Pubblicato da: fabioletterario | 01/06/2006

Tanti auguri, Marilyn

Norma Jeane Mortenson nacque il primo giugno del 1926 a Los Angeles, California, da Gladys Baker, e divenne un mito senza che nessuno l’avesse preventivato.

Di lei sappiamo molto, parecchio. Di lei conosciamo le disavventure, i matrimoni falliti, la tragica conclusione della sua vita. Ma, soprattutto, di quella che divenne Marilyn, conosciamo il sorriso ammaliante, così come quello carico di tristezza, di amore, e solitudine, lo stesso che, a distanza di quarant’anni dalla sua morte, continua ad affascinare, enigmatico, da ogni foto che viene proposta o riproposta.

Marilyn Monroe rimane la quintessenza della dolcezza e della Marilynmonroe sensualità: su questo non si può discutere. Così come resta un’icona per tre generazioni, per quelli che l’amarono allora e che continuano ad amarla sino ad ora.

Oggi, Marilyn avrebbe compiuto ottant’anni. Che dire? Niente, se non che avrebbe spento le candeline della sua torta nello stesso identico modo con cui, quel giorno, cantò Happy birthday a John Kennedy. Io ne sono certissimo. Perciò, tanti auguri, Marilyn!

I suicidi sono omicidi timidi. (C. Pavese)


Risposte

  1. Il salotto di Marckuck si associa reverente e commosso al compleanno di Marilyn.

    Tanti auguri “Zucchero”…e rivedendoti viene a mente che non è vero che “nessuno è perfetto”.

    Marckuck

  2. Se poi guardiamo te, sappiamo che mai affermazione fu più azzeccata!

  3. da piccola dicevo sempre ke volevo essere bella e bionda come lei…
    ;P

  4. ammazza dottò… che bella fijola…

  5. E non è nemmeno la tua biondina, Wyllyam! Mikayla: sei bella quanto lei, su!

  6. ha rappresentato i miti e le problematiche di più generazioni, la ricerca della visibilità e del successo, la paura della invisibilità, la fragilità, la paura di impazzire, un corpo che si scopre, un anima che tace, l’abuso di farmaci e di alcool, l’abuso da parte degli uomini, la sua ricerca di normalità e di serenità che mal si conciliava col ruolo che gli era stato imposto….un problema di tutti noi….spesso troppo tardi ci rendiamo conto di essere andati al di là del punto di non ritorno…ed in quei momenti di solitudine….Forse per questo indentificarsi in lei…. la sentiamo, uomini e donne, giovani e meno giovani, ancora viva….


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: