Pubblicato da: fabioletterario | 25/05/2009

Il nostro compito in cucina

Dopo la Scuola e la lettura, il mio piacere preferito è la tavola. Viste le temperature sostanzialmente estive e già da ora insopposrtabili, certo non si tratterebbe di un argomento fuoriposto, ma in ogni caso una precisazione va fatta: non sto parlando di quella su cui fare surf, dalla quale cadrei in un nanosecondo appena messo piede sulla sua scivolosità, bensì parlo di quella mangiare. Francamente, questa mi interessa molto di più, ovviamente, e per una serie di motivi, e non faccio nessuna fatica ad ammettere che, oltre che ad assaporare il solleticante piacere di piazzare i piedi sotto quella, mi piace certamente occuparmi, da buon casalingo, dello sbarazzarla da quanto deve essere tolto di mezzo dopo il pasto.

Si tratta di gesti sciocchi e meccanici, certamente, ma al tempo stesso utili. A mia mamma, oltre alla preparazione del cibo, spetta altresì il compito di apparecchiare, a me quello di sparecchiare (e scopare per terra), a mia sorella quello di lavare il tutto, nonostante i brontolii. E’, insomma, una organizzazione pressoché perfetta, se così vogliamo chiamarla, eccezione fatta per alcune situazioni in cui più di qualcuno si defila, e mia mamma, povera, è costretta a fare tutto da sola, figli ingrati che non siamo altro!

Beh, a dirla tutta anche io brontolavo, ma da decenni tocca a me e a me soltanto, e ormai mi tengo questo compito ingrato, grazie al quale sto facendo indubbia gavetta in funzione di un ipotetico volo dal nido che un giorno farò, visto che i miei genitori – bamboccioni nati – proprio non ne vogliono sapere di andarsene di casa. Se poi vogliamo anche essere più specifici, posso dire che ultimamente non mangio per nulla. So di fare invidia a molti che, invece, senza il cibo non potrebbero vivere, ma per quanto mi riguarda posso confessare candidamente che io vivo d’aria e di sentimenti, e anche di qualche boccone di felicità rubata qua e là. Mi accontento di questo, anche se non solo di questo, certo, ma ora come ora mi basta e ne sono contento.

In ogni caso, c’è poco da fare: ciascuno di noi, a meno che non viva in un salotto bene oppure in un albergo, deve di necessità prendere parte alla vita domestica, con tanto di impegno formale. Per farla breve, userò una domanda alla quale dare risposta: qual è il nostro compito, in cucina?

Oh beh, si tratta senza ombra di dubbio di una domanda banale, ovviamente, e devo dire la verità che non me ne vergogno. In tempi di crisi costanti e continue, di casse integrazioni, di perdite di lavoro e recessioni, porsi interrogativi di questa portata non è di poco conto, si si necessita di sopravvivere. E allora lo faccio, giusto per non scontentare coloro che mi rimproverano di essere eccessivamente saccente e, oltretutto, aggiungiamoci anche alquanto spocchioso.

Io apparecchio la tavola e scopo a terra. E voi, gente scafata, professionisti della tavola e del buon cibo, nonché delle occupazioni casalinghe, qual è il vostro compito in cucina (oltre a mangiare)?


Responses

  1. beh, insomma, diciamo la verità, l’impressione è che il tuo compito sia il meno gravoso di tutti: sparecchiare e spazzare non mi sembra granché! Non sarebbe più democratico fare a rotazione, almeno tu e tua sorella?
    Il mio compito era, fino a un po’ di tempo fa, preparare la tavola, sparecchiare e lavare i piatti, perché ho oculatamente scelto un compagno bravo a cucinare. Poi, complici i suoi troppi impegni di lavoro e l’acquisto di una lavastoviglie, sono passata a cucinare quasi sempre io, e pure ad apparecchiare e sparecchiare… insomma, parlo di democrazia ma poi a casa mia vige la dittatura! Meno male che cucinare mi diverte!

  2. Il mio compito in cucina?
    Tutto, tranne cucinare😉

  3. Pulire piatti e stoviglie accidentaccio!

  4. Io cucino…….mio marito apparecchia e mio figlio sparecchia…..poi tocca di nuovo a me pulire tutto, ma meno male che ho la lavastoviglie.

    Pensa che prima di sposarmi a casa mia eravamo quattro figli e al massimo apparecchiavo o sparecchiavo…bei tempi!

  5. Fabius.. non ci credo neanche se lo vedo che apparecchi e spazzi per terra…

    Ma ti mando un abbraccione lo stesso.. tvb.
    Touch base, sometimes!

  6. Fortunatamente io e la mia dolce metà non abbiamo compiti precisi…diciamo che magari capita più frequentemente che sia lui a cucinare così come che sia io a lavare i piatti (che poi col caldo che fa adoro le mani sotto il getto dell’acqua fredda!)

  7. Io cucino e apparecchio, lui sparecchia e spesso carica anche la lavastoviglie. Buon appetito!

  8. Io sono lo Chef!
    E il Cuoco in seconda
    E l’aiuto cuoco
    E il cameriere
    E il lavapiatti
    E lo sguattero.
    Ma a pensarci bene, è ora che tutta sta gente vada in pensione in favore dei giovani😉
    Ciao Sior Maestro.

  9. il mio unico coinquilino appena arrivato casa mi ha detto chiaramente:
    “io non so cucinare ma amo pulire la cucina”…

    guarda caso io amo cucinare e non amo pulire la cucina…

    quindi tutto perfetto🙂

  10. Domanda che non presuppone il vivere per conto proprio per cui io devo passare dato che non divido tali compiti con nessuna persona fisica e pertanto faccio quel che posso ma da solo.

  11. PS: questo non vuol dire che sia un fenomeno nel fare le cose in cucina eh🙂

  12. io in cucina faccio l’assaggiatore, sembra un ruolo da niente, ma in realtà è di grande rischio e dedizione, se qualche vicino cerca di avvelenarci sono io a dare l’allarme con il mio sacrifico, cone i canarini col grisù

  13. …E QUA
    un applauso forte de mano debbo farlo prima a mamma tua che ha saputo organizzare le varie teste a una vera spartizione di ruoli e de fatiche a ricettivi figlioli,poi venite pure voi che fate anche se non vorrese farlo.In illo tempore ci provai anch’io a distribuire compiti ed altro con risultato de sentir litigi e rpassar il tutto poi.(naturalmente io!!!). Una soddisfazione comunque c’è stà.Ora che i pargoli se son fatti omini e vivono per loro conto,so per averlo costatato che son bravissimi cuochi,la casa l’han fatta loro de bei colori tenuti vivi da l’ordine de gomito loro (quasi) anche se son professori come te,Fabiuccio del mio cuore.Baci distribuiti per tutti,Bianca 2007

  14. Io mi occupo di tutto in casa…ma quando non mi va di far nulla l’aiuto non mi manca!

  15. …cucinare…

  16. Io abito da sola da un bel pò..non ho un compito specifico ma tutti quanti insieme :)! Ma da soli i compiti cambiano spesso o si saltano!

  17. Che dire caro Fabio…
    Condivido i compiti casalinghi con mia moglie quali fare la spesa, pulire casa, fare da mangiare, fare le levatrici, stirare, rifare i letti e più chi li ha li metta: la vita quotidiana è anche questo.

  18. rifocillare cani e gatti e cercare di tutelare ciò che è nei piatti: di certo non cucinare… per il resto c’è la lavastovigllie…

  19. CIAO FABIUCCIO,
    sei ai fornelli? Bacetto Repubblicano-anarchico con mare a-presso.Bianca 2007

  20. Ciao Fabio, altro che compito ingrato, se vuoi spiccare il volo dovrai confrontarti con ben altre attività domestiche… certo potrai sempre farti una colf😉

  21. Io lavo sempre i piatti, spazzo di frequente il pavimento e faccio il caffè.
    Mi rende particolarmente orgoglioso “su strexiu” (il lavare i piatti).
    Ma secondo mia moglie ci metto troppo… e solo col recondito scopo di rimanere in cucina ad ascoltare dischi di blues.
    Ciao.

  22. ho lanciato una richiesta sul mio blog; chi vuole partecipare, lasci un commento! grazie in anticipo!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: