Pubblicato da: fabioletterario | 04/05/2009

Diminutivi irritanti

C’è poco da fare: se volete irritarmi all’inverosimile, scatenando i miei peggiori istinti sino a rasentare la follia di Jack Nicholson in Shining, non vi occorre fare altro se non usare dei diminutivi per ogni cosa che vi sta intorno. Me compreso.

Partiamo dall’incomincio, come direbbe qualcuno? E va bene. Facciamo che qualcuno mi invita a cena e mi chiede se può farmi un risottino? Ecco, proprio uno di quei termini che mi fanno rabbrividire. Io sorrido e accetto, ovviamente, per non mettere in imbarazzo chi mi ha fatto questa offerta, così mi siedo e, mani sul tavolo a cercare in qualche modo coraggio per la situazione già irritante dal principio, cerco di mandare giù questo primo insopportabile rospo, quando vengo assalito da un secondo peggiore agglomerato di bruttezza verbale.

“E per secondo, ti andrebbe bene una fetta di carnina tenerina tenerina?”

Santa pace, ma questo ce l’ha con me? E’ riuscito a rifilare nella medesima frase un termine in diminutivo, accompagnato addirittura da un aggettivo che, se già una sola non bastasse, è stato addirittura ripetuto per ben due volte. Risottino, poi carnina, e ancora tenerina tenerina. Questa è una congiura, perché non si può spiegare in altro modo un attacco così diretto e serrato alla forma, alla grammatica italiana e anche alla sensibilità linguistica che mi contraddistingue. Perché passi che sono un insegnante di Lettere, e in qualche modo posso anche essere considerato deformato, ma per carità, non si può. Non si può. Non si può e soprattutto non si deve. Il diminutivo no, ve lo chiedo in ginocchio. Mi fa male ogni volta che lo sento e quando qualcuno lo usa, brividi freddi mi percorrono la schiena in lungo e in largo, sino a ricoprirla dalla nuca alla base.

“Fabietto, allora, ti va bene il menù che ho pensato per te?”

Eh già, e come potevo dimenticare che anche il mio nome garantisce un buon trampolino di lancio per un tuffo nell’odiato diminutivo, più burroso e spalmabile della maionese sul pane quando qualcuno ha fame?

Fabietto no, per favore. Fabietto no, vi prego. Fabietto assolutamente no!

Mi faccio forza. Inspiro ed espiro. Trovo il coraggio necessario a dire sì, sì, va bene, va bene tutto. Basta che mi mettano a tavola qualcosa e poi ognuno per la sua strada, senza alcun bisogno di soffermarci troppo sui convenevoli.

“Allora tutto a posto.” MI fa notare il mio ospite. “Se vuoi cambiare canale mentre preparo fai pure. Io di solito guardo Gerry Scotti, ma se non ti va fai pure.”

Io tento di svicolare, non ho voglia di sorbirmi una trafila di domande dopo una giornata passata a correggere compiti, ma l’ospite non fa altro che soffermarsi su quelle.

“Ah, quanto mi piace questo programma. Ecco, ecco… Adesso chiede l’aiutino e vedrai che riponde!”

Dio mio. Sto per farmi il segno della croce. Questa casa è stregata. Questa casa ce l’ha con me. Qui dentro aleggia lo spettro del diminutivo che non fa altro che perseguitarmi. Datemi un paletto di frassino, datemi una corona di aglio, datemi un proiettile d’argento, una pozione magica, tutto l’occorrente perché questa maledizione venga definitivamente sconfitta. Io non ce la faccio più!

A cena tutto tace. Niente altri diminutivi. Qualcuno, dall’alto, deve avermi preso sotto la propria ala protettiva. Che bello, un mondo senza sciocchi diminutivi…

Ci diamo la mano. Ringrazio cordialmente. Ho quasi dimenticato tutto quello che è successo in un lasso temporale così breve. Mi viene addirittura data una piccola busta incartata, da scartare esclusivamente a casa. Non speravo in una tale metamorfosi finale.

“Allora grazie di tutto – dico sovrapensiero -. E grazie del pensierino!”

E vorrei sprofondare.


Responses

  1. Fabiuccio caro su non fare così!!!😛

  2. Quale conclusione migliore!😀

  3. Che strano destino: tu che sei presumibilmente più alto di me ti storpiano il nome in -etto, io che sono il più basso della compagnia (170cm) il nome di battesimo me lo storpiano in -one.

  4. “…a te che sei presumibilmente più alto di me storpiano il nome…”
    Devo andare in pausa pranzo!🙂

  5. volevo lasciarti un commentino, ma pare che tu oggi sia un po irritabilino

  6. Non voglio spazientirti ulteriormente e allora mio carinissimo Fabiuccio ti lascio solo un salutino ed un tenerissimo bacino…ahahahah!!!!

    Buona serata…. magari con una dolcissima tisanuccia di valeriana🙂

  7. Forse se smetti di andare a cena dalla nonna…

  8. Aspetta un “attimino”. Quante volte lo sentiamo dire o, ahimè, lo diciamo?
    L’attimino è, per me, il Grande Abominio.
    Anche se, col capo cosparso di cenere, ammetto di usare spesso alcuni diminutivi.😐

  9. “Fabietto”ma chi frequenti?

  10. Caro Fabio, il risottIno, suona comunque sempre meglio del risottOne!! 🙂
    Maury

  11. Che ridere! La curiosità adesso dilaga… ma da chi sei andato a cena? Qualcuno ha detto la nonna e l’ho pensato pure io!🙂
    Sei troppo forte. Bacino! ihihihih

  12. poverINO😛
    capisco e condivido il tuo pensiero
    a volte il voler essere troppo CARINI supera l’eccesso…
    ma che dire invece di quei sms tanto simpatici
    in codice tipo so a ca ta dei mnt😦
    ecco dimmi cosa cavolo ti ho scritto….🙂

  13. Io ho sempre il diminutivo ina dato che sono piccina, minutina, mingherlina. Se mi dessero dell’ona però sarebbe peggio. Ergo, mai lamentarsi.
    Trovo anche io che attimino e risottino siano degli abomini però!

  14. Fabietto!! Io lo uso sempre per rispondere ai tuoi commenti…bè, potevi dirlo prima, però…!🙂

  15. Ahem… io che mi faccio chiamare “pensierini”, che dici divento “pensieri” tout court? Ciao, Fabiuccio, anzi Fabiucciolino!😉

  16. Daiii cucciolone! Non fare quel faccione, che il broncione non ti dona! Per favore le parolacce non le dire, che altrimenti vai all’infern..otto!
    Probabilmente sei una figura che stimola il senso di protezione. Qualcuno ti fa forse “piri-piri” sotto il mento quando ti incontra? O una carezza sul coppino.. (questo non è un diminutivo, vero?).. A me (oversize in tutto) offrono la bistecca e pure dura! Ciao, Anna

  17. ahahah. A me piacciono i diminutivi ma solo con le persone a cui voglio bene…se no mi fanno abbastanza rabbrividire in effetti

  18. Tesorino, allora ti lascio un commentino carino e ti mando un bacino🙂
    Puah…mi viene l’orticaria😉

  19. Devo dire che mi trovi concorde: anche io non sopporto i diminutivi… soprattutto quelli che vorrebbero denotare affetto.. ci sono ben altri modi per dimostrarlo!
    un saluto Mr
    Daniel

  20. TRISTEZZAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA IO TI HO SEMPRE CHIAMATO FABIETTO!!!!! CREDENDO DI ESSERE GENTILE E DI FARTI PIACERE!!!
    SORRY!!!
    SCUSA SCUSA SCUSA SIGNOR FABIO MUCCIN…
    pero’ fabietto mi piaceva un casino… (casino non e’ diminutivo di caso vero?!?!? eheheheh) 🙂

  21. FABIUCCIO SEI
    ma anche Professore tenero e dolce come il cuor degli avvocati.Scherzo,ovviamente,Fabio caro en on te la prendere troppo.Anch’io ho le tue stesse reazioni poi poi poi sorrido e mi dimentico tutto.Bianca 2007

  22. fabiuccio dovresti stare un attimino più calmino!!!😉

  23. Un salutino????????

    :::)))))))))))

  24. Preferisci due spaghettini?

  25. Qui da me, al Sud, ti chiamerebbero “FABBIUZZU” (rigorosamente con due B)

    🙂

  26. Mi fai morire dal ridere:-)))..cmq se ti consola neppure a me piacciono i dimuitivi…per non parlare poi “dell’aiutino”….

  27. uhmmm.. sarai un po’ nervosetto in questo periodo??😆


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: