Pubblicato da: fabioletterario | 22/10/2008

Un tiramisù senza zucchero

Non ci sono. Qualcosa non funziona. Mi accorgo di punto in bianco di aver perso Fabioletterario e, insieme a lui, ho perso anche Fabio.

Mi sono accorto d’improvviso che, girandomi indietro, qualcosa non quadra, e quando ho cercato di guardare nuovamente davanti a me, non sono più riuscito a trovare la giusta via. Continuo a cercare e, tra una fronda bruna e l’altra, vorrei prima o poi intravedere quello spiraglio di luce che davvero vado cercando.

Da un po’ mi chiedo cosa sono e cosa sto facendo, e le risposte non arrivano. Non arrivano né sottoforma di riflessioni, né sotto quello di involontari aiutini dal pubblico. In questi giorni ho pensato molto, e il non sapere a che punto della mia esistenza sono arrivato mi pesa parecchio. A tal punto che non ho voglia di rapportami con gli altri e desidero unicamente starmene per conto mio. E poi, subito dopo, mi fiondo a chiamare amici e parenti vari, non so nemmeno io perché, per il puro piacere di sentire delle voci conosciute. Alti e bassi, come se mi trovassi sulle montagne russe, però senza aver pagato nessun biglietto e senza aver scelto di fare un giro.

Per natura non sono mai stato una persona distratta, eppure in questi giorni ne ho combinate di tutti i colori. Ho trascurato la correzione dei compiti, la compilazione del mio registro è stata faticosa e laboriosa (anche grazie alle nuove normative, che certo non facilitano chi deve necessariamente operare in ambito scolastico), e non è finita qui. Tanto per chiudere in bellezza la rosa delle mie luci sfavillanti, ieri sera ho pensato di preparare il tiramisù a mio cognato Luca, che compie gli anni proprio oggi. Ho preparato tutto alla grande, convinto di quello che stavo facendo, e quasi ritrovando una motivazione in questi giorni di confusione totale. Completo il mio tiramisù e, nel momento esatto in cui mi accingo a sistemare la crema dell’ultimo strato superiore, mi accorgo di aver dimenticato di versare il marsala nel latte e nel caffé. Preso dalla sconforto, decido di fare un secondo tiramisù, stando ben attento a tutto. Questa volta verso immediatamente il marsala e inzuppo esattamente come sono sono solito fare. Spalmo per bene i diversi strati, infine ammiro il mio capolavoro, che giace inerte sul tavolo. E solo in quel momento mi ricordo di non aver messo lo zucchero insieme al mascarpone e alle chiare d’uovo. Come a dire, tutto da buttare. Tutto inutile. Fatica sprecata e completa impossibilità di recuperare quanto usato.  

Due volte in una sera è proprio troppo, per chi già si sente esattamente come quel tiramisù, insipido e assolutamente improponibile. Non ho capito bene se sia il tempo, la stagione, la bassa pressione, oppure una fattura che qualcuno mi ha lanciato addosso, ma una cosa è certa: qualcosa proprio non funziona. Distrazione? Pensieri? Scontentezza? Ma di cosa? Vorrei tanto pensare che quel tiramisù sia in qualche modo mangiabile, ma temo che in nessun caso potrebbe essere presentato a tavola, senza rischiare di essere linciato. Lo stesso vale per me. Ecco perché scelgo di aspettare che questa nuvoletta che accompagna i miei giorni decida di spostarsi appena qualche centimetro più in là, evitandomi questa aura negativa che mi fa credere di essere invecchiato di colpo. Oppure devo credere che anche un tiramisù senza zucchero può se non altro fare la sua porca figura?

Perché una cosa è certa: sprecare due tiramisù è grave, ma cercare di far finta che siano buoni è davvero disgustoso…


Responses

  1. 🙂

  2. semplicemente credo che ci siano dei periodi un po’ “così”… in cui, come dici tu, l’aura sembra essere negativa anche se sicuramente solo passeggera! è che siamo “umani” fabio, e guai se non lo fossimo… e a ricordarcelo sono proprio questi periodi, appunto, un po’ “così”! un abbraccione!

  3. Su, su…anche i carriarmati ogni tanto hanno bisogno di cambiare l’olio e pompare i cingoli.

  4. ECCO PERCHE’
    anche il mio caffè di primo mattino per quanto lo correggessi con speciale zucchero di canna grezza,restava sempre amaro! Mancava il “tiramisù” del mio prof preferito il FABIOLETTERARIO che,distratto anche se non lo è,per vie altre se nè era ito e smarrita aveva la via del desiato blog.Non l’ho sapevo ma ora si! Tirata d’orecchi e poi bacini al Fabio biricchino?…Bianca 2007

  5. Periodi così capitano a tutti, con ci si entra non lo so sinceramente, so però che uno ne esce senza nemmeno accorgersi.
    Non è che ti sei innamorato?🙂

  6. vero, succede, sono periodi che poi passano, non si sa come arrivano, non si sa come passano, ma passano e questo è l’importante. E poi una volta anche mia madre ha dimenticato lo zucchero nel tiramisù, però ti assicuro che era buono ugualmente, e anzi le abbiamo consigliato di continuare a farlo così, perché era meno stucchevole. Casomai sopra mettici un velo di zucchero vanigliato e salvi capra e cavoli!

  7. Mio caro,
    forse non aiuta sentirsi dire che sono periodi che capitano a tutti, o che passera’ perche’ passa sempre, ma e’ proprio cosi’..
    Nel frattempo un abbraccione forte forte e, mi raccomando, non ti rinchiudere in te stesso per sempre, ok? Mi mancheresti troppo.

  8. Secondo me quello senza marsala è buono. Sarà che io il marsala nel tiramisù non ce lo metto.
    Seriamente, la crisi che stai attraversando è…normale, se normale si può chiamare una crisi esistenziale. Io mi chiedo chi sono e dove vado da quando sono nata, ma mi consolo pensando che Socrate, Kant, Spinoza…non hanno fatto altro tutta la vita. Forse hai troppe fronde brune davanti. Prova a vedere se ne trovi una bionda o rossa🙂.

  9. fai passare un giorno o due e fanne un altro di tiramisù..sarà quello buono e dopo il tiramisu….cerca di tirarti un po’ su anche tu. Te lo dice una che di depressioni ne soffre spesso!

  10. nel mezzo del cammin di nostra vita… vorrà doire che scrivrai anche tu una divina commedia! qunto ai tiramisù:incrociali ne otterrai uno perfetto!
    oggi una giornata ad hoc: per tornare a casa ho fatto 7 km a piedi!
    era la mattina leggera della settimana, esco da scuola in battuta per prendere il bus (abito in un paese e ne ho solo uno ogni ora), aspetto un po’, concludo di averlo perso,ma, quando sto per tornare a scuola ad aspettare mio marito facendo 4 chiacchiere con l’amica segretaria, vedo arrivare un autobus con la mia indicazione: salgo e quando arrivo al paese prima del mio… quello svolta per tornare indietro: conclusione si era guastata la targa digitale che indica le destinazioni e l’autista non se ne era accorto! vado a piedi alla fermata dove dovrei prendere il mio (fino a questo punto i percorsi dei due autobus coincidono)ma, ovviamente, il precedente era già passato per l’altro avrei dovuto aspettare un’ora: tanto valeva venire a casa a piedi! ho dato appuntamento al marito che stava facendo esami dicendo di raggiungermi al ristorantino del paese e mi sono incamminata: nonostante la borsa pesante ed i tacchi alti 7 km in meno di un’ora1 questo si dice tenersi in forma1 bisogna dire che la scuola dove insegno è un vecchio edificio su tre piani: ti tiene in grsn forma d’ufficio!

  11. eppure la mancanza del marsala o dello zucchero avrebbe reso “speciali” e “innovativi” il tuo tiramisù…

    noi siamo così.. imperfetti e nella nostra imperfezione siamo speciali…

    panta rei vero prof????

    in bocca al lupo!

  12. tieni duro caro fabio, tutti abbiamo i periodi no…però nn aspettare che vada via da sola chissà quando…inizia tu a soffiare per allontanarla!
    ciaooo!!🙂

  13. non vorrai mica emulare Fantozzi!!!! dai che tutto passa…anche la nuvoletta che sta sopra di te….andrà da qualcun altro!!!!

  14. Ecco, è proprio così che mi sento anche io in questo periodo…..
    Passerà…
    Maury

  15. ecco perchè scrivi così poco. non è un bel periodo, anche quello che accade nella scuola, abbatte noi, figurati te che la ami tanto. poi scommetto che sei uno di quelli che scherza e fa un po’ il pagliaccio anche quando è giù… col rischio di accumulare dentro.
    un abbraccio

  16. sono momenti che capitano nella vita di chiunque…guai se non fosse così…siamo esseri umani…passerà…vedrai che in men che non si dica passerà:-) il primo tiramisù senza marsala era buonissimo e proprio non andava buttato…mai messo il marsala nel tiramisù…l’altro senza zucchero…insomma…lo zucchero ci vuole altrimenti come ti tira su:-) un baciotto
    Annamaria

  17. Fattura….nuvoletta….bosco oscuro. Non so perchè ma mi ricordano tanto qualche cosa. Ci sono momenti difficili…..molto difficili. Ne so qualche cosa. Ma non ti abbattere….non posso pensare che ti racchiuda nuovamente a riccio e puff scompaia.

    Facciamo un patto se ti va….te lo preparo io un tiramisu con tutti i crismi tu in cambio mi fai uno splendido sorriso e mi dici che continuerai ad essere la persona speciale che sei.
    Ti tendo entrambe le mani e ti stringo in un abbraccio stregato…vieni a prenderli e …portati un cucchiaino.

  18. oggi posso essere il terzo tiramisu’ mal riuscito!

  19. Sii più indulgente in questo momento con te stesso Fabio…non è il caso di autoinfliggersi punizioni più gravi di ciò che realmente meritiamo.
    Il tiramisù senza marsala e quello senza zucchero, regalali al vicino che viene sempre a suonare al tuo campanello per chiederti qualcosa in prestito (magari proprio il marsala o lo zucchero!…ecco, vedi? stavolta per colpa sua li avevi finiti, ecco perchè non ce li hai messi nel tiramisù!!). Coooosa? Non ce l’hai un vicino così? Impossibile tutti ce l’abbiamo!
    Per il resto, tutto evapora, let it be…cantavano i Beatles, lascia che sia…

  20. E’ una frase che ti hanno già detto tutti, ma capitano questi momenti, anche abbastanza spesso, poi per fortuna passano e ritorniamo come prima, magari con qualche consapevolezza in più.
    Naturalmente fino alla prossima volta😉
    Antonella

  21. Avresti potuto mischiare tutto insieme dicendo poi che hai inventato un nuovo dolce per l’occasione.

    Su, dai…
    Su, dai…
    Sudai.🙂

  22. .. non sarai innamorato???
    Sorrisi
    Fly

  23. un pezzo va me, festeggiavo pure io.
    quindi gli errori si triplicano…

  24. se solo sapessi quante creme ho dovuto buttare….

  25. Propongo un minuti di silenzio per onorare la memoria del Tiramisù.

  26. Caro Fabio
    non credo che tu non abbia idea di ciò che ti stia accadendo.
    Indaga a fondo dentro di te e scoprirai la vera ragione di tanta distrazione, estraniamento e smarrimento. Ne sono certa.
    Forse ti manca l’AMORE, quello che fa palpitare, sognare, volare sopra ogni cosa. Forse ti manca la paternità per proiettarti nel futuro e ritrovare la tua giovinezza che ti sembra perduta.
    Insomma, ritrova la dolcezza di quel tiramisù, senza annegare nel marsala.
    Erica Lee.

  27. In questi casi conviene andare in pasticceria e farsi una vacanza

    Ciao
    fiore

  28. non vorrai mica buttar vi atutto quel ben di dio………

  29. E’ un momento negativo, siediti e aspetta, vedrai che passa com’è venuto. Non sono un medico, ma forse sei anche un pochino sulla via della depressione, quella altalenante, bipolare mi pare si chiami, e allora non ci puoi proprio far nulla, oltre che chiedere al dottore e seguire i suoi buoni consigli. Non vogliamo che rientri nella foresta da cui sei faticosamente uscito insieme a Ingrid Bétancourt, vero?

  30. Eiiiiiii Sior Maestro…su, capita a tutti eh! Non sei mica Superman tu.
    E’ il nostro continuo divenire, siamo come un fiume in fondo, non possiamo che andare verso il mare. E come lui nasciamo piccolo rivolo per poi sfociare in un delta maestoso e imponente, carichi di esperienza, di sapere, di cose fatte male o bene.
    Tu fa come me, il tiramisu’ compralo fatto belbello cosi lui sarà perfetto e tu non stressato e frustrato.
    Mi piacerebbe avere la tua ricetta però…marsala, chiare d’uovo…mi intriga😀
    Bacio e buon uichend.
    z.r.

  31. hei, che ti capita? Proprio tu che eri una certezza! sono io quello dei dubbi vorrai mica rubarmi il tema del blog?😀
    in ogni caso non credo ai periodi con l’aura negativa, magari colpa di qualche pianeta in trigono con un altro? …. ma nemmeno a questo credo. Quello a cui credo fermamente è che a volte si intrapende una strada e ci si dimentica di farla evolvere, si trascurano i desideri e l’abitudine ad assecondarli, questo provoca una scontentezza diffusa perchè si è insoddisfatti di ciò a cui non si è dato ascolto e perchè si dimenticano gli strumenti per dargli vita.
    Il mio consiglio è: rest a in ascolto senza fare niente e sopratutto non fidanzarti potrebbe essere fatale, ti ritroveresti tra 5 anni con la stessa angoscia una moglie e figli.😀
    un abbraccio professò

  32. qualche volta l’ho fatto con la aricotta al posto del mascarpone. era più leggero. senza zucchero mi sembra pretenzioso

  33. a proposito di tiramisu….tirati su, prof. che son tempi duri

  34. Vedo che già te lo hanno detto in molti ma è proprio vero caro Fabio i periodi “no” nella nostra vita arrivano sempre, sicuramente non è stato il primo e non sarà nemmeno l’ultimo, ma la cosa bella è che passano lasciando in noi una maggiore consapevolezza.

    Un saluto Fabio e cerca di tirarti su trascorrendo un bellissimo fine settimana.

  35. Caro Fabio,
    è normalissimo ogni tanto perdersi un po’… la vita cambia velocemente anche quando noi non ce ne accorgiamo…e quando lo vediamo ci troviamo disorientati…
    un abbraccio
    Daniel

  36. siamo come il mare in tempesta:onde alte e vertiginose cadute..

  37. Che dire?
    1°) non cucinare in queste situazioni emotive; se proprio si vuole far vedere che si e’ cucinato, meglio andare un momento in pasticceria.
    2°) questo stato e’ quello che permette la compressione della molla che, a sua volta, Ti lanciera’ su un piano piu’ alto.
    3°) sei giovane e forte e puoi fare la fatica di guardare molto piu’ avanti.

    Ciao bruno

    ps pensavo o speravo di leggere qualche tua considerazione sul d.l. G.

  38. Passerà, e quando sarà passato ti guarderai indietro e ti vedrai cresciuto…

  39. Dai, Fabio, non ti demoralizzare. E se tu fossi innamorato?

  40. Ti dico solo questo: meglio un tiramisù venuto male che nulla! I periodi neri ci sono per tutti, basta guardare sempre avanti … un sorriso contagioso per te

  41. E no, caro mio, non si fa così. Avevi dimenticato il marsala nel primo tiramisu? Avresti potuto praticare delle iniezioni con una siringa con ago sottilissimo, di quelli indolore (Pic indolor, già fatto?????)
    Ti saresti risparmiata la fatica del secondo ed avresti fatto la tua bella figura. I rimedi esistono sempre. E la vita funziona come il tiramisu.
    Dai, fatti una bella puntura di marsala e risorgi anche tu a nuova vita, meglio che pria🙂
    Un bacio, ti aspetto….

  42. Anche senza marsala sarebbe stato buono….spero passi presto la nuvoletta,capitano periodi di abulia…ti aspetto, quando ne avrai voglia, con i tuoi meravigliosi post,sono per me rilassanti pensa anche questo che poteva sembrare tristissimo in realtà la faccenda sel tiramisù mi ha tirata sù…un abbraccio grande,grande

  43. Ieri avevo ero in uno stato d’animo molto simile (anche per me, è periodo) e ho fatto dei cookies al cioccolato. Sono venuti mollicci e bruciacchiati, di forme irregolari. Brutti da guardare, cattivi da mangiare. Coraggio. La nuvoletta passerà. Ne sono certa.

  44. beh, capita. So che non è consolante…ma sulle montagne russe a volte ci finiamo senza un perchè…e ci ritroviamo già in cima alla salita, nell’esatto istante in cui sta per iniziare la corsa folle della discesa tutta curve e giri della morte quando ce ne rendiamo conto…e non possiamo fare altro che restare li sballottati di qua e di la e aspettare che finisca…
    poi il tiramisù..beh, la volontà ce l’hai messa non una, ma ben 2 volte!!! e dicono che basti il pensiero no?! facci un sorriso!😉

  45. Ma va!!! li hai assaggiati i due pasticci prima di decidere se son cattivi? Io nel cucinare son trent’anni che non ripeto mai la stessa ricetta. Creo, ecco cosa dico, creo! In realtà non mi frega un tubo del mangiare, basta sia commestibile.. ed infatti son trent’anni che nutro una famiglia e anche abbondantemente. Ciao depresso… è la situazione attuale che butta giù, Anna

  46. ehi fabietto che succede????
    complice il clima? il cambio d’ora? il freddo in arrivo? Dai un sorriso per la tua eiffellina!!!! ciaooooooooooooo

  47. ehi… ho postato ma non c’e’? sono in attesa di autorizzazione o non funziona?

  48. io sono golosissimo di tiramisu’ quindi quando torno in Italia tutti me lo preparano per farmi contento. Ma ti devo confessare una cosa…a me piace solo quello della mamma🙂

    PS: Tieni botta !

  49. Non mi sento di darti consigli, e mi dispiace di leggere che per te è un periodo “un po’ così”, però ti dico solo una cosa: la vita è fatta di alti e bassi e spesso basta la nostra volontà a permetterci di vedere il bicchiere mezzo pieno!
    Ti abbraccio e ti sono vicina.
    princi

  50. ehi Fabio non te la prendere anch’io alle volte mi sento come te…ma poi non so cosa mi ridà la forza e la voglia di non lasciarmi andare… per il tiramisù io penso che avrei mess il tutto nel frullatore e l’avrei amalgamato bene insieme allo zucchero, dopodichè l’avrei versato in bei bicchieri che ne dici? cema alla mò di Fabi
    ciao Paola

  51. Ma dove devo rintracciarti, visto che le mail mi tornano indietro? risp. alla tua richiesta di maggiori informazioni sul Processo alla Chiesa cattolica per “abuso di credulità popolare”: lo avevo già segnalato alla fine del mio post: lo riscrivo:

    http://www.luigicascioli.eu/index.html

    e magari è un’occasione per estendere la curiosità…
    Scusa l’intrusione nel tiramisù, ma diobbuono non sapevo dove scrivere…….. ciao!

  52. ……e comunque, giacché ci sono, un sorrisino per il tuo sfortunato tiramisù (anche se ormai andato da un pezzo). A me è accaduto di “salare” il caffè, buttarlo ovviamente via, rifarlo e… di nuovo condirlo col sale! due volte di seguito.
    Proposta: incontriamoci. Io ti porto il tiramisù, dolce, e tu mi fai il caffè giusto.🙂


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: