Pubblicato da: fabioletterario | 03/07/2008

Ingrid è uscita dalla foresta (e forse anch’io)

ingrid.jpgIngrid Betancourt era entrata nella foresta per discutere di pace, e in quella foresta ha invece trovato la propria prigionia. Per quasi sei anni e mezzo ha vissuto – ironia della sorte – da reclusa in uno spazio aperto, colpevole di perseguire un proprio ideale: voler credere nella pace e nella possibilità di una convivenza serena. Ma non aveva fatto i conti con un manipolo di terroristi che ha scelto di mostrare il proprio braccio possente trattenendola con le armi, come merce di scambio, lei che era equipaggiata unicamente della parola e di nessun altro mezzo di offesa. La sua storia, quella di chi crede nella ragionevolezza e nel buonsenso dell’altro, è l’ennesima dimostrazione del fatto che gli ideali, in questo mondo in cui l’ideale appare come qualcosa di assolutamente deprecabile dal quale rifuggere, non possono che portare guai, e che è dunque meglio pensare a rovinare quanto abbiamo per confarci al resto del mondo. E’ terribile a pensarsi e a dirsi, eppure, purtroppo, è così.

Ingrid è nata il 25 dicembre del 1961 e aveva 41 anni, quando decise di incontrare le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia. Era madre di due figli, aveva una vita davanti. Era, se così la vogliamo definire, una donna comune, impegnata, sì, ma che non immaginava quello che sarebbe stato il proprio futuro, a pochi passi dal materializzarsi nonappena sventolò la bandiera dela collaborazione. A partire da quel lontano 23 febbraio 2002, quando i guerriglieri decisero di trattenerla seduta stante senza che avesse nemmeno potuto salutare i propri figli, sono trascorsi più di 2300 giorni, prima che la foresta si decidesse infine a vomitare quella donna che in così lungo tempo era diventata piccola e smunta, annientata dalla violenza psicologica e corporale di criminali che si fanno chiamare rivoluzionari e che invece usano la rivoluzione per seminare terrore e violenza. Le sue foto le abbiamo viste tutti, e ancora le ricordiamo come un esempio di strumentalizzazione del dolore, perché quando c’è la sofferenza, l’uomo si commuove, e quando si commuove è più debole, ed è quello il momento in cui si può ottenere di più. Avevano fatto il giro del mondo non perché servissero ad informare amici e parenti del suo stato di salute: avevano fatto il giro del mondo per spingere gli uomini di potere ad interessarsi con fermezza al suo caso, ed anche alla causa del delle FARC, sempre a caccia di buone occasioni pere ottenere visibilità. Ieri sera, mentre cercavo di trovare una motivazione per uscire a mia volta dalla mia foresta, la stessa che mi aveva rapito per cercare di annientarmi e di fagocitarmi contro la mia volontà, mi sono di colpo destato alla sigla di quell’edizione straordinaria del tg, che ha rotto il silenzio della mia sera. “Ingrid Betancourt è libera” hanno gridato con toni trionfalistici, prima di cominciare ad attribuire i risultati di questa vittoria del senso di civiltà che giunge, a parer mio, troppo in ritardo per essere considerato qualcosa di positivo. E’ stato grazie a Sarkò, se oggi è libera, ma di sicuro la pressione di Chavarez ha sortito i migliori risultati, strillavano i giornali; no, gridavano altri, l’opinione pubblica internazionale è riuscita a premere sulle forze rivoluzionarie che alla fine hanno ceduto e si sono arrese alla necessità di una liberazione fin da troppo annunciata e troppo a lungo rimandata. Ingrid non aveva ancora i polsi liberi dalle catene, che in tutto il mondo già si rivendicava l’importanza e la paternità di quel risultato, attribuendolo a qualcuno.

Ingrid oggi e libera, e nessuno si chiede come stia. Non lo hanno detto, non è stato menzionato, nessuno lo ha comunicato. Non sappiamo se stia bene, se sia in buona salute, se ce la farà, ma in compenso sappiamo di chi è il merito di questa liberazione, perché alla fine è questo quel che conta, come sempre. Non sappiamo se la foresta ce l’ha restituita in vita, o se di lei ha ingoiato tutto. Non sappiamo se torna da noi lucida, o se invece la foresta le ha strappato completamente il suo essere interiore. Ecco la natura umana, troppo debole per essere forte, troppo forte per essere debole. Non basta una notizia positiva, non ci basta essere felici anche solo per un momento. Sentiamo il bisogno fisico di fagocitare la felicità per appropriarcene, senza neppure sapere il perché. Oggi non si parla del fatto che quella donna, quella che per sei anni e più ha convissuto in promiscuità forzata con uomini che hanno fatto di lei un pezzo di carne da tenere in vita per questioni di opportunità, oggi si parla di lei per elogiare qualcuno, per rendere merito, per sottolineare la sua bravura nell’aver fatto uscire Ingrid da quella foresta che l’aveva ingoiata senza riuscire a digerirla. Non è Ingrid, insomma, al centro di questo risultato, ma chi si è adoperato per ottenerlo. Anche io sono stato in qualche modo liberato insieme a lei, ieri sera, da una foresta intricata, fatta di paure e di ombre, che non sapevo potessero spaventarmi. Non ci sono i giornali a strombazzarlo, e io non dirò il nome del mio liberatore. Tuttavia, a quello sarò grato per sempre, almeno fintanto che riuscirò a tenermi fuori dalla foresta…


Responses

  1. bentornato prof, ma… non si scrive “promiscuità” con la “c”? scusa ma sono anch’io una prof, non di italiano, ma di quelle tignose… 😉

  2. ti mando un abbraccio! ora chiudi gli occhi ed immaginalo tutto!

  3. oh fabio, ringrazio anch’io il tuo liberatore…ci sei mancato e ci hai fatto stare in pensiero a noi blognauti!

  4. ..bentornato,nuovo fabio…

    …o pecco di presunzione?

    sono stata in pensiero..

    Ti abbraccio forte,
    L

  5. oddio! fabio! bentornato! quanto ci sei mancato!

  6. Ecco, come volevasi dismostrare!
    .
    IlSantoComplicato

  7. Finalmente!
    Ben tornato A.

  8. bentornato, bentrovato! Non ti assentare così a lungo la prossima volte, ok??? a presto!

  9. Dove sei stato!?!

    La coppa premio la trovi nell’archivio di giugno (21),con tutte le spiegazioni sul banner.
    Un bacio a Paco.Probabilmente non sai che ora con me c’è Lilla e la puoi vedere in fondo a destra.

    Un abbraccio!

    Cristiana

  10. Bentornato Fabio!!!! E’ un piacere rileggerti!!! Come va’? Come stai? Un abbraccio anche da parte mia!! 😉

  11. Uh, però adesso che hai corretto ‘promiscuità’ sembra che sia pensierini a non conoscere la grammatica, sarebbe stato bello ringraziare, o a limite cancellare il suo commento.
    .
    IlSantoComplicato

  12. La stessa cosa che ho sentito io nel leggere gli articoli e sentendo le notizie in televisone, ma INngrid come sta?
    ma Fabio come sta?

  13. Fabio, eravamo veramente in pensiero! Sono contenta che tu sia di nuovo in rete. Non so cosa ti sia successo ma a giudicare dalle amare considerazioni che fai sulla liberazione della Betancourt non deve essere un buon periodo per te.
    Un abbraccio,

  14. presumo quindi che ti sia reso conto di quante persone vuote frequentano il tuo blog…ti capisco…se ti va puoi mandarmi una email…buona giornata

  15. Bentornato, finalmente! Che piacere!
    Ripasso dopo a leggere il tuo nuovo post!
    A più tardi.
    Fox

  16. dire che ero preoccupata era poco
    non si sparisce così quando va tutto bene
    adesso va bene?
    chiedi se mi sei mancato?
    chiedi a me e a tutti quelli che ti aspettavano se ci sei mancato?
    un abbraccio immenso
    torno dopo a leggere il post
    bentornato
    bentornato
    bentornato

  17. Fabio! Ci hai fatto preoccupare.
    Ora sono solo contenta che tu sia ritornato e sono felice che quel qualcuno sia riuscito a liberarti.

    Non condivido però quando dici “l’ideale è qualcosa di assolutamente deprecabile dal quale rifuggere”….cosa siamo senza un ideale da seguire? Non credo che tu lo pensi sul serio!

  18. Ho letto più attentamente il post. C’è tanta amarezza nelle tue parole, devi aver avuto un periodo molto buio! Siccome so come ci si sente non ti dirò le cose che si dicono in questi casi, tanto non servirebbero a niente. Danno solo fastidio e nient’altro!
    Ti dirò solo che mi sono mancati i tuoi post e che sei fortunato ad avere qualcuno accanto che ti abbia tirato fuori con la forza da quella foresta.
    Ciao A.

  19. ho esultato alla notizia ma con il cuore pesante pensando a quanto quella, fragile all’apparenza ma tenace dentro, donna ha subito in questa lunga agonia e quanto ha patito chi l’ama.. Ora arriverà la parte più difficile…dimenticare..ricostruire e perdonare…non sarà una passeggiata dovrà dimostrare alla vita che vale ancora la pena di lottare…

    sono felice che una tempesta naturale ti abbia fatto uscire dalla buia foresta, e chiunque sia il tuo salvatore forse ha saputo toccare il giusto tasto. Ora tocca a te.

  20. era ora!!!!!!!

  21. Bentornato.
    Spero tu rimanga lontatno dalle foresta, qui con noi…

  22. Forse è prevalso il senso di sollievo…in ogni caso sono certa che le riflessioni che tu sottoponi alla nostra attenzione sono le stesse che si faranno pian piano.
    Bentornato come avrai visto il mio è stato un periodo intenso. Ho portato in giro tra tele e radio il mio libro…che sta dandomi soddisfazioni
    Cristiana

  23. Bentornato Fabio
    E’ bello ritrovarti, leggerti, sapere che ora ci sei.
    E’ bello sapere che ora sei finalmente fuori dalla foresta che tanto ti ha creato paure e tristezze.
    Un abbraccio.
    Forte.

  24. Bentornato Fabio, chiunque ti abbia tirato fuori dal tuo limbo ha la mia riconoscenza.

    Quanto alla Betancourt, le poche immagini sorridenti lasciano sperare che le cicatrici ed i segni, pur restando parte integrante del suo vissuto, non riusciranno a portar via la sua anima.

    Ciao!!!!
    Daniele

  25. Non ci posso credere!!! finalmente…ormai avevo perso le speranze di rileggerti!
    Bentornato, spero il periodo di pausa sia servito a qualcosa..

  26. son contento che anche tu sia uscito da un labirinto intricato. Spero di ritrovarti più spesso, come prima. Mi ero abituato ai tuoi post e mi sei mancato, sinceramente. Non so cosa ti sia accaduto, ed è giusto che tu non voglia renderne partecipi degli estranei.
    Sappi, in ogni modo, che un piccolo posticino te l’ho dedicato sul mio ultimo racconto. Una domanda: usi la bicicletta tu? 😉
    A presto!
    Fox

  27. ciaoooo 1 felilce di ritrovarti1 io , invece, fino a lunedì nel labirinto delle maturità

  28. ps… da martedì nella foresta del centro studi: liquidati gli ultimi universitari avanza l’orada di quellli che, saggiamente, hanno lasciatoml’esame ostico da preparare durante le vacanze!
    nel frattempo ho salvato un bellissimo micetto rosso, Conan 😛 , dal motore di una macchina dove si era rifugiato

  29. Felice del tuo ritorno!!!
    Bellissimo pezzo, questo. Spunto per molte riflessioni sulla banalità dell’essere umano e sulla necessità del mondo di non gaurdare al di là dell’apparenza. C’è solo da sperare che Ingrid riesca a superare tutto quello che ha vissuto in questi anni e ritrovi serenità nella sua famiglia.

  30. ciao!!!! sono stracontenta che tu sia tornato!!
    se ti serve qualcuno che ti tenga fuori dalla tua foresta, fai un fischio… thirrin è molto convincente con un fucile in mano 🙂

    post molto profondo e veritiero. Concordo con le tue idee. Dico solo che ho un gran tristezza, pensando a quella povera donna.
    Ricominciare tutto da capo. Dopo sei anni. Non credo che potrà mai tornare ad essere la stessa di prima.

    Un bacionissimo e un abbraccio.
    Bentornato!!

  31. Carissimo Fabio, Le foreste non imprigionano, ma celano, disperdono. Anche le nostre foreste mentali possono essere un luogo di fuga per le nostre paure. La signora Betancourt ha una tale personalità che penso siano stati i sequestratori ad essere stati incatenati. Chi ha tanta forza nelle parole o viene ucciso subito o diventa un appiglio per la sopravvivenza delle proprie idee, magari per contrasto. Solo il tempo farà emergere la verità. A presto, Anna

  32. Sto passeggiando per i viali che Fox ha preparato per noi…..ora sono qui..spero non ti dispiaccia…ti lascio un bacio..e alla prossima..CINDY

  33. FELICE
    per Ingrid e ONORE per la sua grande forza interiore .
    E felice per Fabio che ha trovato la strada di casa! Bello quando si supera una prova vero Prof?…E solo allora si può ringraziare anche gli dei oltrecchè se stesso.Salutami la tua mamma e a te,due baci.Uno per la prova,l’altro per la simpatia!Bianca 2007

  34. E’ stata veramente una grande notizia…e una grande donna!!!
    E bentornato profffffffff:-)
    un bacione

  35. Allora oggi due belle notizie la liberazione di Ingrid e la tua.
    Bentornato Fabio, mi ero preoccupata non sapevo se attribuire la tua assenza agli impegni scolastici o a qualche altra cosa, ma ora la cosa più
    importante e che sei riuscito anche tu a ritornare a nuova vita.

    Un saluto e un abbraccio di bentornato.

  36. Ben ritrovato.

  37. La bellezza del post questa volta è stata offuscata dal grande piacere di ritrovarti. Bentornato Fabio, di cuore!!!!
    Maury

  38. Bentornato Fabio… noi siamo involucri e come giustamente hai sottolineato nel post, non basta solo una liberazione fisica a renderci felici… ma cosa rimane dentro?…
    Ho appena letto che anche tu hai ritrovato la strada di casa… e la mia gioia più grande è apprenderlo direttamente da te…
    un forte abbraccio e che tu possa sentirne tutto il calore.

  39. Come mai ti sentivi prigioniero?…Quando vuoi puoi passare…il tuo saluto è sempre ben accetto. Rosy

  40. ciao ciao ciao! che bello rivedere il tuo post nel mio blog, che bello risentirti, che bello poterti rileggere di nuovo… e poi Fabio, ricordati sempre: dito indice ben intinto nella Nutella e via di nuovo verso il domani!
    Ti ho aspettato e ora accolgo questo nuovo Fabio e la sua partenza!
    ciao ciao ciao e per stavolta, solo stavolta, un baciotto! Irene

  41. In effetti non sembrava che stesse molto male. Magari riprenderà ulteriormente fiducia in sé con l’imminente ricevimento in suo onore all’Eliseo.

  42. BENTORNATO! sul momento non ho connesso il grande evento quando ho visto il tuo commento, ma ora mi sono svegliata dal torpore da tesi.
    bentornato bentornato bentornato.
    spero tanto che questo periodo di crisi sia passato; quando si riesce ad emergere di solito se ne esce rinforzati, anche quando non sembra perchè la stanchezza porta via le forze.
    ti auguro che il futuro sia sereno, parafrasando Tolkien: che la luce delle stelle brilli sulla tua strada ed il tuo futuro!
    BENTORNATO

  43. Sono felice per tutti e due che siate usciti dalla foresta.

  44. bentornato!!!!

  45. Anche io ho avuto lla stessa sensazione, Fabio.
    Sei cambiato.
    Sono felice di rileggerti, davvero.
    Spero che le cose vadano per il meglio e di ritrovarti sempre qui.
    Cerchiamo di farci scivolare di dosso i pensieri più tristi?

  46. Non dirmi che anche con te hanno dovuto usare l´elicottero..

  47. Forse c’è troppa fame di felicità perché ci si interroghi davvero su quale ne sia stato il prezzo. Intanto io sono contenta che tu sia uscito dalla foresta ed entrato in una radura assolata.

  48. sei fra i miei link e come tale un posto speciale ce l’hai già! Ho solo voluto omaggiarti con questo piccolo regalo, per tutte le volte che mi fai sorridere e riflettere con i tuoi post!
    A presto!
    Fox

  49. Welcome back Mr Fabio.
    Hai detto una cosa molto vera “Ecco la natura umana, troppo debole per essere forte, troppo forte per essere debole”. è proprio così.. siamo esseri complessi, che vivono a metà strada fra la forza e la debolezza.
    Sono contento tu sia tornato e che stia meglio.
    un abbraccio
    Daniel

  50. Meno male che è salva, dopo 6 anni!

  51. grazie fabio,è bello risentirti dopo tanto tempo 🙂

  52. Bentornato!!!!^^

  53. Ciao Fabio eri mancato a molti sai?! Pensavamo non tornassi più.
    Sono felice ke tu abbia trovato il modo di uscire dalla tua foresta … non è facile. Io ci sono entrata un anno fa e confesso che non ne sono uscita ancora completamente anzi a volte, quando intuisco di aver ritrovato la strada per uscire, non sono sicura di volerlo fare e torno indietro. Ho eliminato tutto quello che ho costruito -è tutto li fermo ad 1anno fa – e ora non mi sento libera…libera di ricominciare …libera di vivere. Però per fortuna non sono sola e questo rende tutto meno spaventoso. Mi raccomando tieni duro e tieniti lontano dal mistero della foresta. Qui hai un sacco di persone che ti vogliono bene. Ciao Just

  54. Ben tornato!
    Molto vero e molto significativo questo post ed il parallelo con la tua vita…
    Non so quale sia la tua foresta… sono felice che tu ne sia uscito e soprattutto ti chiedo:
    Come stai ora?
    Un caro saluto
    Fly

  55. Caro Fabio, sei contornato da tanti amici così affettuosi e fedeli? E come hai fatto? Svelami il segreto, a me che sono affamato di amicizia! 🙂 E cmnq adesso, spero ti faccia paicere, ne hai uno in più: io.
    Ciao.
    Ps. Però, se è un segreto e vuoi svelarlo solo a me 🙂 , scrivimi una e-mail.
    Ciao

  56. mi unisco al coro dei bentornato, sono contenta di rileggerti!
    ciao!

  57. molta gente ha ideali ed è coerente. ma non ha un peso sufficiente per incidere sul benessere collettivo, come piacerebbe a noi. credo che sia importante, oltre ad avere ideali e ad essere coerenti anche usare una strategia che unifichi e raccordi tante piccole energie-risorse sparpagliate. per esempio associazioni che puntino ad un obiettivo sociale, scrivere un libro, una rivista,. in fondo anche i nostri progenitori cacciavano in gruppo
    ps: è bello che sei tornato, Fabio. NON farlo MAI più ! 😉

  58. Sono felice per lei..e mi accodo alla gioia del suo rilascio. Era un pò che non ti leggevo..è sempre un piacere…leggerti
    per le dipendenze..sono tutte negative..ma il gioco come anche la droga coivolgono anche la vita degli altri…
    un bacio

  59. è vero, anch’io mi aspettavo di leggere di come sta, ma non ho trovato praticamente nulla. mah

  60. Dalle foreste, reali o metaforiche che siano, a volte ci si esce perché si ha la forza di farlo da soli, altre volte perché qualcuno viene a liberarci… Io sono strafelicissima perché Ingrid Betancourt e gli altri 14 prigionieri hanno potuto rivedere il cielo dopo tanto verde sopra la testa… ma se anche tu hai vissuto la tua prigionia metaforica, non posso essere che contenta del fatto che ne sia emerso. Bentornato, allora… di cuore.

    Un saluto e buona domenica
    Laura

  61. Quando ci si smarrisce nelle nostre più recondite foreste interiori, non sempre è facile uscirne da soli, e non tutti sono disposti a venirci a salvare.
    Per quel poco che potrà alleviare le tue paure, sappi che l’immensa felicità che ho provato la scorsa sera nell’apprendere la bella notizia della liberazione di Ingrid, è pari alla scoperta di pochi minuti fa, nello scoprire che eri ritornato.
    Questo mi ha fatto sentire immensamente bene, come vedi basta veramente così poco…
    E nel frattempo il cielo si è rannuvolato, e nubi minacciose all’orizzonte, annunciano pioggia, agognata pioggia, barlume di vita in in cotanta canicola! Grazie per essere ancora vicino a noi
    Con l’abbraccio più sincero ed affettuoso che ho

  62. c’è sempre qualcuno da ringraziare…se stessi
    c’è sempre qualcuno da ringraziare…l’altro

  63. ben tornato caro prf…
    è sempre un piacere ritovarti..anche se ti leggo con quelche giorno di ritardo..
    saluti cari

  64. @ il Santo: come si fa a cancellare un proprio commento? grazie in anticipo… 😉

  65. Ciao, grazie al commento che hai inserito nel mio blog ho potuto conoscrti e vale veramente la pena di leggerti!

  66. ciao, piacere di conoscerti, mi piace molto quello che scrivi e come lo scrivi.

  67. @Pensierini, non è possibile modificare o cancellare un proprio commento sul blog di un altro, però si può chiedere al proprietario di cancellarlo o modificarlo per te.
    Ho già spiegato sotto qual è il problema che si è creato in questo caso. Cancellare il tuo commento sarebbe stato veramente brutto, meglio così.
    Invece, sarebbe stato carino se il buon Fabio avesse lasciato la parola errata segnata con il carattere barrato e avesse messo di fianco quella corretta. L’umiltà è una bella cosa, io avrei fatto così. 🙂

    IlSantoComplicato

  68. caro amico
    io ho letto solo adesso davvero se ti serve qualcuno che ti aiuti a rimanere fuori dalla foresta anche se metaforicamente io sono qui .
    un bacio anna

  69. ciao Fabio
    Io ho scoperto il tuo blog solo adesso ho letto della foresta
    bè una bella idea quella della foresta Spero di non andarci mai e di rimanere sempre fuori . un bacio


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: