Pubblicato da: fabioletterario | 24/04/2008

Il topolino dei denti da latte

Penso di essere stato l’unico bambino al mondo a odiare il topolino dei denti da latte, che, al contrario di quanto si dice, è tutt’altro che un topolino generoso.

Ci pensavo poco fa, davanti ad un buchetto nel muro che avevo fatto da piccolo, e in cui ho infilato tutti i miei dentini, uno ad uno, ogni volta che sono caduti. Oggi quel buchetto non esiste praticamente più, è stato maltato e rimaltato da strati di abbellimento della mia casa, ma quando mi ci fermo davanti, so esattamente il punto in cui si cela, seppur nascosto dal tempo trascorso.

Così, mentre ci pensavo, mi è venuto in mente che mi era stato spiegato che, quando mi cadeva un dentino, dovevo nasconderlo sotto un bicchiere di vetro per una notte intera, e che il giorno dopo al suo posto avrei trovato dei soldi. Per la verità non me l’avevano raccontato in famiglia, tuttavia ho chiaro il momento in cui ciò avvenne. Così, quando cominciarono a cadermi i denti, la mia prima mossa fu quella di agguantarli al volo prima di inghiottirli e, potendo, di accelerarne la caduta nella speranza di poter racimolare qualche biglietto/lira. Il risultato fu, inizialmente, alquanto incoraggiante: nel giro di un mese guadagnai ben quattromila lire, che, facendo i conti del temo e dividendoli sulla base dei gelati che mi potevo comprare, erano una signora cifra. Ma, e in tutte le storie c’è sempre un ma, la festa durò poco. Mia madre si stancò di dover riscattare i miei dentini ogni notte, e ben presto scoprii che il topolino magico dei denti da latte non era altro che un gran imbroglione, che si era fatto sonore beffe di me e poi, quando avevo portato in dono quelle caduche parti di me, si era infine bellamente dileguato.

Per un bel pezzo rimisi quei dentini sotto il bicchiere, ogni notte, ma nessuno si mosse a pietà. Mia madre, perfidamente, aveva scelto di abituarmi a quanto dura fosse la realtà, e alla fine dovetti arrendermi, fermo restando che continuai per qualche mese ancora ad infilare i miei ex denti in quel buco sul muro del terrazzino, che ben presto si era riempito di un orrido tesoro. Alla fine, solo una persona mi venne incontro, con un insegnamento che avrei ricordato per tutta la vita. Mia nonna. La mamma di mio padre era una contadina nella testa e nel cuore, grandissima lavoratrice, ma dentro di lei nessuna capacità di amare. Non ho bei ricordi, di lei, e in generale non ne ho, nonostante abitasse sotto di me, ma, tornando al discorso portante, fu lei, quella volta, a sconvolgere tutto.

Un giorno, mentre ormai il famoso topolino aveva scelto altri lidi nei quali darsi arie, mia nonna venne da me e notò le fessure davanti. Non avevo più gli incisivi, e ogni volta che dovevo pronunciare le dentali, sibilavo come un serpente.

“Ti sono caduti i denti!” MI disse lei, che ne aveva solo uno, ricordo dello sterminio della vecchiaia.

“Sì, ma il topolino non mi ha portato i soldi!” Confidai io, imbronciato.

Lei mi guardò per qualche secondo. Poi disse:

“Guarda che li ha lasciati a casa mia, vedi?” E mi mise in mano una banconota da 1000 lire.

Io, tutto contento, mi leccai i baffi, già immaginando come li avrei spesi, ovverosia in gelati. Cornetti, per la precisione, che tanto mi piacevano. Lei però mi trattenne la mano:

“Ma mi ha detto il topolino – continuò seria – di non spenderli.” Poi si sistemò le labbra, incollate a ventosa sulle gengive sdentate. “Perché, da grande, questi soldini ti serviranno per comprarti altri denti, quando ti saranno caduti definitivamente…”

Gli altri denti mi caddero di lì a poco. Tuttavia, non ho mai più rivisto quel topolino.

Sinceramente, l’ho odiato per parecchi anni… 

Annunci

Responses

  1. i dentini nel muro, inquietante come cosa 😛 con me il topolino é sempre stato gentile, ma non conservo ricordi particolari a proposito..buona giornata! 🙂

  2. Per forza che non lo hai rivisto. Confessa, i cornetti sei andato a mangiarli lo stesso! 🙂
    Bei tempi quando con mille lire ci compravi qualcosa. Oggi, con 50 centesimi, non paghi neanche un caffé…

  3. eh no x voi niente:-)))…è solo x una persona speciale

  4. Il mio topolino, invece, sarebbe dovuto passare a ritirarli sotto al mio cuscino… così mi era stato raccontato… ma purtroppo, il solo pensiero che durante la notte sarebbe potuto arrivare e sgusciare sotto al cuscino… bhè, mi ha sempre talmente tanto intimorita che… ci ho subito rinunciato… peccato, mi sono persa tanti gelati!!!
    un bacio
    Claudia

  5. anche da me , come Claudia, i dentini li dovevo lasciare sotto il cuscino ..ma dalla miei parte nessun topolino, ma una certa Sant’Appolonia!

  6. da me passavano le formichine… dovevo mettere il dentino sull’incavo di un muro a casa della nonna… ma non prendevo tutti questi soldi! Considerando l’età che hai…avevi un topolino ricco!!!…o meglio un topolino che ha fatto male i conti…prima ti ha dato troppo….e poi ha smesso 😉

  7. Fabbbioooooooooooo ma io sono di Salerno!!!!!!

  8. Azzarola… adesso si spiegano le pastiere ed il ricevimento per la regina Elisabetta…. Sei mai stato al Giardino della Minerva? E’ un posto stupendo!

  9. storia quasi identica tranne per il luogo dove lasciare il bene di riscatto: il mio era sotto il cuscino.
    Non ricordo per quanto funzionò ma ricordo che anche io avevo una nonna “dura” come la tua, ma non ha mai fatto un gesto così.
    Va beh, che ci vuoi fare.
    Un bacione prof.
    Mi piace quando racconti del passato perchè sono storie in cui mi riconosco e in cui riesco ad ambientarmi (forse anche per la vicinanza geografica).
    Ciao fabio

  10. in risposta al tuo commento…l’ho sempre detto che non sei un bravo bambino!!! 😉

  11. 🙂
    Da me il topolino passava regolarmente, credo. Almeno visto che a) non ho brutti ricordi sulla cosa, b) non ricordo quando ho scoperto che il topolino non era proprio un topolino…

    Cmq si, i dentini nel muro sono inquietanti, e la tua nonna, come tutti i veri contadini, cruda maestra di vita.
    Ti mando un abbraccio.
    PS. adoro i tuoi post.

  12. Io invece del topolino, c’ho avuto un ratto di un metro e ottanta 😀
    Era il mio zio preferito, che c’aveva una insana passione per i dentini traballanti, cosi non appena si accorgeva che ce n’era uno che stava li li per cadere mi tormentava finchè non glielo facevo togliere. Un giorno decisi che gli sarebbe costato caro: 2.000 lire a dente!
    Alla fine avevo un bel gruzzoletto e ho passato il testimone a mio fratello più piccolo che iniziava a cambiare i denti, solo che lui applicò da subito l’aumento ISTAT: 3.000 lire a dente. Anima da strozzino 😀
    Ciao Sior Maestro, buon fine settimana

  13. Saggia e lungimirante tua nonna!!!!

    Un saluto Fabio.

  14. a me lasciava le 5oo lire di carta…che ricordi!

  15. però ammetterai che è geniale la risposta del mettere i soldi da parte per comprare i denti nuovi sostitutivi!

  16. troppo troppo troppo bellino questo post!! Ah quanti ricordi e cosa darei per tornare nella casa in cui poter riconoscere sotto strati di intonachi colorati il punto esatto in cui c’era il buchetto che accoglieva i mie dentini. Mi è sovventua una riflessione..la mia casa attuale non ha un solo buchetto nel muro…è perfetta…ma forse è il caso di iniziare a romperla un pò…o)) La figura di tua nonna è un mito!! o)) Ciao ciao Fabio, a presto!!!…Daniela

  17. Sei unico nel raccontare le cose…oserei dire magico…mi porti indietro nel tempo e i mi rivedo bambina con le trecce lunghe…buon 25 aprile,per me ha ancora un senso non è solo la data del V2day,ma si sa la storia ha cattivi scolari….

  18. Io non credo che tua nonna non avesse un cuore. Solo che lo mascherava bene.

  19. rifiuti il soggiorno ad Arcore? Non sai quello che ti perdi! Ma questa ormai è un’altra storia. Ora pensiamo alla storia del bambino e del topolino…
    Mi dispiace che ti si sia stata smontata questa magia del topolino. Anche perchè sono dell’opinione che i sogni aiutano a crescere. Mia figlia, per il suo primo dentino, ha ricevuto la bicicletta che sognava da tempo. D’estate si diverte a catturare lucciole per trovare un soldino sotto il bicchiere (e le lucciole vengono liberate di nascosto, ovviamente!) e il 24 dicembre è emozionatissima perchè Babbo Natale ha risposto alla sua lettera e di lì a poche ore si calerà nel nostro camino…
    Non voglio far correre i tempi e voglio farla sognare finchè potrò e finchè lei ne avrà voglia. Anche perchè sogno assieme a lei.
    Un caro saluto.
    Fox

  20. Ciao Fabio, il topolino dei denti da latte mi sa’ che ha fatto tante vittime in ogni dove e in questo senso siamo in tanti ad avere un odio amore per lui
    Anch’io in questi giorni non sono molto presente, per il mio lavoro sono giorni intensi ma va bene cosi’
    Un salutone e buon fine settimana anche se e’ solo giovedi’

  21. ma dai! ma insomma… curioso materiale coibente i dentini caduchi…

  22. >Lisa è un po’ quello che non siamo mai e che magari in parte vorremmo… 🙂

    a parte che la odio.
    a parte che odiare è un po’ forte e non bisognerebbe usarlo
    ma per quella cosina gialla può andare, non se la prende perchè lei è immensamente più buona di me. 😉

    però

    condivido.

    niente volevo fartelo sapere.
    così a caso.
    fra il topolino del latte, che non c’entra nulla.
    che l’ho odiato anche io però.

    🙂

  23. maaa..

    lei è un prof??

    🙂

  24. Come Oscar Wilde? 😉

  25. Io non avevo il topolino dei denti… mi cadevano e basta 🙂
    P.S.: Non cancello i commenti dal blog, forse avevi commentato da un’altra parte. Ciao!

  26. Io i denti li mettevo sotto la sedia, ma il topolino da me era un po’ tirchio e portava solamente monetine….

  27. quando, a fine giornata, la piccola Bea si ritrovò 40 euro in saccoccia, frutto di una moltitudine di topi sparpagliati nelle case dei parenti, anche la sua mamma (cioè io) disse le stesse parole di tua nonna

    🙂

  28. Ahahaha ahahah GRANDE NONNA!!!
    Io…Credo di aver creduto al topolino solo per il primo dente.
    Ma una domanda, il buco nel muro è stato chiuso, ma prima i denti sono stati tirati fuori o sono stati murati?

  29. Non ricordo di aver visto mai il topolino quando perdevo i dentini di latte.
    Ricordo il topolino che, una volta che sono cresciuto, portava i miei soldini al dentista.
    Non ho mai visto il topolino che, malgrado l’età e le varie incazzature giornaliere, continua a farmi visita lasciandomi sotto il cuscino l’essere felice vicino a chi voglio bene.
    Ciao Prof. sei un grande.
    ….
    Karletto

  30. Buon pontone Fabio.

    G.

  31. Caro Fabio, mi hai dato l’occasione di far tornar alla mente uno dei tanti bei ricordi ….almeno le monetine nel muro mi facevano dimenticare lo shock di rimanere senza un dente! Poi da adulta mio padre mi ha fatto vedere dove ha conservato e ancora conserva, tutti i miei denti da latte…il topo era lui!! Baci

  32. Ciaoooooooo!!! I’m back..
    solo ancoa rinco ma felice di essere a casa.. 🙂
    Buon weekend lungo!

  33. Che storia triste, caro Fabio…
    Anche io avevo questa abitudine, da piccola. Stessa cosa le mie figlie. Era carina come cosa… mastavano pochi soldini per rendere felice un bambino.
    buon lungo weekend

  34. ammazza che allegria!!
    un bacetto prof 🙂

  35. La storia mia del dentino, ogni dentino la formichina mi portava 500 lire…riponevo il dentino sotto la credenza il giorno dopo trovavo le 500 lire, il bello non gli avevo creduto la storia che mi avevano raccontato i miei perchè ho detto ma come una formichina porta i soldini basta schiacciarla con un ditino, tanto guadagnavo, li mettevo tutti nel mio salvadanaio che era un porcellino rosa….

  36. buon uichend, fabio, mi hai fatto venie un po’ di magone con questa storia…

  37. io me li faccio dare dai figli : anticipo apparecchio ortodontico :o)

  38. PROF,
    la mamma aveva ragione nel prepararti alla vita dura! Sapeva però che, nella delusione del suo bimbo,dietro l’angolo ci sarebbe stato un UOMO e un altrettanto INSEGNANTE doc! Bacini per i lacrimoni di allora e uno grande per la TUA mamma di allora e di adesso.Bianca2007

  39. mi sa che siamo in 2 fabietto!!

    io tengo più ai miei denti che a due inutili monetine…

    pffff….

    avesse lasciato un assegno….

  40. A me il topolino lasciava mille lire ogni volta che cascava un dente ma, sinceramente, non mi ricordo più come li spendevo (credo caramelle iper zuccherate e iper gommose). Avevo anche una prozia che assomigliava in tutto alla descrizione di tua nonna, sembrava senza cuore, ma avessi la metà della sua forza:) (e mi infilava sempre in tasca della giacca di nascosto 10.000 lire ogni volta che andavo a trovarla).
    Comunque, grazie per il buon week end, anche se lo passerò a lavorare (come tutti i prossimi a venire), e ricambio:)
    Baci

  41. A me mi ha solamento fottuto i denti, senza neanche lasciarmi una caramella.. 😦

  42. Il mio topolino è stato sinceramente commosso all’inizio e pieno di prosopopea perà era fissato con il risparmio…e parlava sempre con mia madre che inesorabilmente mi portava i suoi messaggi sull’utilizzo del soldino…
    Dente che cade…topo che trovi!
    Cristiana

  43. anche tu pensi sempre alle leccornie di cibo, noto. 😉

  44. Basta mangiare schifezze 😉 buon ponte prof.

  45. piccino!
    io mi son commossa..

  46. santi i topolini dei denti da latte…io però avrei sperato che non mi fossero mai caduti i dentini…è un’esperienza brutta per me 😦

  47. ^_^ buon ine settimana e buon ponte

  48. a me li facevano mettere nel fazzoletto sotto il cuscino 😦
    a stì topolini sempre in giro per case, ogni tanto non arrivano in tempo..
    ma la domanda è: le 1000 lire poi per quanto le hai tenute?
    scommetto….na vita…
    belle queste storie fatte di poco, meglio non chiedere cosa succede ai bimbi di oggi appena perdono un dente…
    buon week lungo ^^

  49. I miei dentini li lasciavo sotto il cuscino, e il topolino non mi ha mai delusa ^_^
    😉

  50. Consolati, magari sarà più generoso con le devitalizzazioni:-)) però, simpatica la nonnina!

  51. Irish coffee, cosa pensi che succeda ai bimbi di oggi?
    Lasciano il dentino sotto il cuscino, e trovano qualche moneta.
    La mia figlia più piccola ha perso ieri il suo secondo dente, e mi ha detto: speriamo che il topo non mi porti soldi, sono troppo piccola. Meglio un regalino. E stamamttina era tutta contenta con il suo bel lecca lecca al cioccolato 😉

  52. eh beh! ihihih 😀

  53. Da me la tradizione non c’è mai stata, forse perché ho iniziato a perdere i dentini molto tardi e al topolino non avrei creduto comunque… Pensa che l’ultimo dente da latte l’ho perso a 14 anni!
    Lo so che è strano però è così…
    Al tuo posto comunque lo avrei odiato anch’io quel topolino dispettoso…
    Un bacione 😉

  54. BUON 25 APRILE
    piccolo topolino diventato Adulto e prof! Bianca 2007

  55. Se non ricordo male oggi è il compleanno della tua mamma.

    Allora… Auguri e Buon Compleanno alla mamma di Fabioletterario!!!!!

    Un saluto e buon w.e. lungo!

  56. In effetti era un topolino un po’ dipsettoso, anche se forse realista

  57. ciao! buon 25 aprile!
    gio

  58. bellino!
    io mi ricordo che quando il mio primo dentino iniziò a dondolare il mio nonno si divertì a terrorizzarmi con il racconto dei modi possibili per toglermelo.
    quello che mi terrorizzava di più era quello che prevedeva il legarlo alla maniglia del bagno e sbattere la porta.
    🙂
    felice liberazione, ciao!

  59. buongiorno topolino
    ahahahahha
    buona vacanza
    e bacioni

  60. Questa poteva essere materiale per “le storie che fanno riflettere.”
    Ti auguro un sereno 25 aprile.

    Marco

  61. Per mia fortuna è terminato il tempo dei dentini e del topolino, ma se devoessere sincera, quel topolino mi era un po’ antipatico!!!!!!
    Chissà perchè?
    Buona giornata di vacanza
    Un abbraccio

  62. Bè, però c’aveva ragione…tu te li sei messi da parte i soldi per la protesi? 😉

  63. 🙂
    passo a lasciarti un bacetto

  64. E’ straordinario Fabio, come racconti i momenti della tua infanzia… semplicemente straordinario!
    Buon weekend Mr!
    Daniel

  65. Che triste storia. Cmq secondo me il topolino veniva ma hanno fatto la deratizzazione e quindi… 🙂

  66. Sei unico! buona Liberazione 🙂

  67. Sai non ho mai creduto al topolino dei denti, ma quando ho visto “al calar delle tenebre” dove parlava della fata dei denti, ho ringraziato il signore che fosse un topo e non la fata….troppo brutto!!! Buon weekend. Rosy

  68. io non avevo questa pratica dentaria, ma la fine della storia è semplicemente geniale!
    auguri per il 25 aprile, marina

  69. Mai arrivato il topolino…io ho sempre avuto la fatina dei denti…una creatura dolcissima che mi faceva trovare sempre una sorpresina sul comodino..
    bacione

  70. a casa mia il topolino non è mai venuto!!! Ho scoperto la storiella solo molti anni dopo…quando i denti non cadevano più!
    ….la morale della favola è stupenda!

  71. Da bambino non ho avuto molta fortuna, complice il fatto che eravamo tre fratelli e lavorava solo mio padre. Però ho fatto tesoro di quanto letto e imparato e chissà che in età avanzata questi consigli non mi tornino utili… 😉

    Buon 25 aprile a te ed a tutti i tuoi lettori 🙂

  72. beato te!!!

  73. anche a me hanno sempre detto di metterli sotto il cuscino che avrei trovato un soldino….e infatti qualche volta li trovai. Il problema è quando cadranno definitivamente quelli che abbiamo dove troveremo i soldi per comprarci una dentiera o altre riparazioni? con quello che costano i dentisti i soldi che mi diedero non bastano neppure per la telefonata e fissare l’appuntamento 😦
    beh curiosando sono capitata sul tuo blog. a presto. Elle

  74. A mia figli ho detto che arrivava la fatina o un folletto(non l’aspirapolvere,per ben intenderci!)e le lasciava il soldino sotto al cuscino ma solo per i primi quattro denti.Ovviamente mia figlia un pò interdetta ha voluto sapere perché solo per quei quattro,al che seraficamente le ho risposto che mica poteva svenarsi per tutti i denti che cadevano!
    Devo passare anche alla demolizione di Babbo Natale,ma lì mi sa che sarà tosta……..
    Ciao
    Mk

  75. Post bellissimo! Hai condensato in esso il senso che i notri genitori e nonni hanno voluto dare per impostare la nostra esistenza. Anche io avevo il mio topolino, ma i dentini venivano riposti sotto il cuscino e lì, al mattino, trovavo la banconota da 500 lire, un piccolo patrimonio. Ma quei soldini non potevano essere usati, bensì riposti nel famoso libretto al risparmio che sarebbe dovuto servire per gli studi universitari. E così tutto il danaro che ho ricevuto in regalo nella mia infanzia ed adolescenza. Gli studi universitari me li pagai, molto dopo, con il mio lavoro e quei soldini li presi, appena maggiorenne, per fare ben altro.
    Ma il ricordo di quella fanciullezza scippata,quello, lo conserverò per sempre.

  76. non so molto del topolino, ma in compenso a new york hanno scoperto che la cacca d’usignolo ringiovanisce. sarà!

  77. io ho preso tanti di quei soldi con la storia del topolino, solo che ero ben consapevole che fossero i miei e non il sorcio..
    ..eppure facevo finta di stupirmi ogni volta..
    che genio!!

  78. Ciao, volevo solo ringraziarti per i commenti che hai lasciato sul mio blog. Un po’ in ritardo, ma come hai potuto leggere sono stati giorni un po’ complicati che chissà quando finiranno. Speriamo di reggere perchè già si fanno avanti i primi problemi!
    A.

  79. tenerissima questa storia del topolino:-)
    Annamaria

  80. apparte l’orrida immagine dei dentini nel muro (avrei avuto gli incubi), questo raccinto è romanticissimo! saluti professò

  81. Da me giravano sempre troppi gatti, e il topolino se lo raranno mangiato loro

  82. Buongiorno Fabio e buona domenica!

  83. Buona domenica e metti un ascensore..azz sono anziana ahhahahaha
    un bacio dolce

  84. Io i dentini dovevo metterli fuori dalla finestra..(o sotto il cuscino?) sai che non mi è charo questo ricordo?
    Comunque mi è piaciuto tanto leggerti….buona domenica!!

  85. Complimenti! Articolo stupendo! Meraviglioso! Fantastico!
    Sei un vero genio! l’aggettivo Letterario ti si addice proprio!

    Fabbioletterario: grazie di esistere! se non ci fossi dovrebbero inventarti!

  86. Il topolino che mi portava viai denti per due soldini, non l’ho mai amato… Ciao Giulia

  87. A casa mia invece il topolino voleva che il dentino perso andasse messo sotto il cuscino, così durante la notte sarebbe passato a prenderlo. Avrebbe poi nascosto i soldini in giro per casa (una volta diecimila lire, lasciate da mia zia Marina credo, zia signorina che viveva con noi. Una cifra da capogiro che però aveva intascato, come sempre, mia mamma!). Per noi il gioco era cercare i soldi, perchè poi, i soldi appunto, se li teneva o riprendeva lei 😦
    Adesso ho un bambino e quando perderà i dentini faremo lo stesso gioco, però i soldini li lascerò a lui, e farò in modo che in giro non ci sia la nonna, se no glieli frega!

  88. Anch’io odio… la storia del tipolino… non ci ho mai creduto… nonostante fossi molto ingenua… soprattutto non capivo cosa se ne potesse fare di quel mio inutile residuo… mi ripungnava pure l’idea di un topo che veniva a prendersi quel dente…. forse temevo i topi… quindi rinunciai ad espletare questo rituale macabro… e ai gelati…

    Sorrisi…
    Fly

  89. nella mia infanzia non è esistita la storia del topolino. I miei genitori, da buoni contadini, non avevano queste fantasie con i bambini che erano subito educati alla dura realtà. Bellissimo post. Costanza

  90. Ciao…ho lasciato un meme sul mio blog. Ciao Buona serata. Rosy

  91. Fabiooo… con i buongiorno ti sei fermato a martedi!!!
    ;)buona serata
    Claudia

  92. Una storia di una tenerezza infinita. Raccontata con quella dolce malinconia che arriva…cavolo se arriva!
    Grazie..credo che conserverò la storia…I miei erano troppo occupati a tirare su quattro figli per pensare a “ricompensarci” per i dentini persi…Ricordo che quando me ne cadeva qualcuno non lo dicevo alle mie amichette, perchè la domanda successiva era “Quanto ti ha portato il topolino?”…e io un topolino non l’ho mai avuto.
    Un caro saluto
    Eleonora

  93. Io ringrazio sempre per quasi tutti i commenti che leggo sul tuo blog. Ringrazio molto te e un po’ meno Pennac, ma questa è un’altra storia

  94. troppo simpatica e ancora attuale la storia del topolino dei dentini……..
    chi non ha ricordi mannaggia tutti sogni che hanno avuto fine e forse ci hanno anche delusi all’epoca specialmente come capire che la befana babbo natale non esistevano e con lui nemmeno il topino dei dentini non è che possono dirci un giorno che la guerra l’odio il razzismo non esistono? troppo bello vero!!!! mi è venuto in mente ci farò un post.
    fabio visto che sei passato diverse volte da me passa ho lanciato un sos natura e sento che anche tu puoipartecipare aiutando a divulgarlo ciao daniele

  95. Buongiorno Fabio e buona settimana!

  96. Buongiorno Fabius!
    Ce lo concedi un nuovo post oggi o ti dobbiamo supplicare?

    Siamo (sono) in trepida attesa!

    Buona giornata, mio caro.

  97. buongiorno e buona settimana!!!
    gio

  98. io adoravo il topino^^per le mille lire che trovavo sotto il cuscino. quando un dente ballava,lo tormentavo con le dita per farlo staccare prima.
    ciao,buona settimana!

  99. GRANDISSIMA TUA NONNA!!!!!

  100. Bei ricordi di quando si era piccini…il topolino che portava il soldino ad ogni dente che cadeva.
    Ora invece il conto del dentista è la triste realtà.
    Buona settimana!

  101. Mio figlio ha 5 anni e non vede l’ora che gli comincino a cadere i primi denti per via del topolino. Ogni giorno controlla se gli si muovono perché nella sua classe alcuni bambini li hanno già persi.
    Gli ho raccontato che il topolino lascerà 50 centesimi a dente. Mi sono ripromessa che avrei mantenuto la tradizione del topolino…. Perché smettere di sognare?

  102. ….tornata ;-(((((

    ora però dopo aver letto il tuo post ho capito tante cose che avevo rimosso…traumi infantili…a me i denti non cadevano ed era una tortura ogni volta…anestesia e dentista…altro che topolino…ma forse è per questo che ODIO detesto HO IL TERRORE fobico dei topi…e del GRIGIO…ora che mi ci fai pensare….maaaaaaa i pipistrelli non saranno mica TOPI CON LE ALIIIIII???????

  103. abbastanza triste che una nonna prospetti desolante al proprio nipotino.. Spero che tu Fabio insegni a tuoi figli e nipoti che il topolino è gentile. io ho amato il topolino dei denti. mio padre aveva inventato per me un certo topo Luigi. per anni mi ha fatto credere che, oltre a portarmi qualche moneta per i dentini, topo Luigi venisse a trovarmi mentre dormivo e andasse via appena prima del mio risveglio. quando ho capito, con l’età, che era un’invenzione di mio padre è stato una specie di lutto.. era un angelo custode. ciao. marta

  104. Anch’io al mio primo figlio, quando gli cadde il suo primo dentino raccontai la storia del topolino che di notte sarebbe venuto a prendere il suo dentino per lasciargli in cambio il fatidico soldino. Durante tutto il giorno Alessio, cioè mio figlio non vedeva l’ora di andare a dormire per mettere il suo dentino sotto il cuscino; ma quando venne l’ora avendo paura di trovarsi davanti sto benedetto topino, non riuscì a prendere sonno terrorizzato di trovarselo davanti. Non riuscendo a calmarlo non ebbi altra scelta che dirgli la verità, e con mio grande stupore, anzichè vedere un bimbo deluso lui, chiedendomi se gli stessi dicendo la verità mi disse sospirando: ” mamma sono contenta che i soldi me li mettete tu o papà e non un topo che viene sul mio cuscino!”. Con il mio secondo figlio memore della prima esperienza, mi sono inventata che veniva un uccellino fuori sul balcone e che prendeva il dentino lasciando fuori il soldino; per fortuna ha funzionato lo stesso ed è stato comunque felice di trovare un euro fuori al mattino.

  105. Passo a fare un saluto veloce Fabio 🙂

  106. Un saluto e un buon inizio settimana!:)

  107. Non mi è mai piaciuta questa storia del topolino dei denti da latte…infatti amio figlio non gliel’ho mai raccontata… quando cadevano i suoi dentini andavamo a comprare una qualsiasi stupidaggine e via…….

  108. Mai ricevuta una lira!!!! …in compenso ho dovuto pagare il dentista per farmi togliere i denti del giudizio…fossi io il topolino?!?

  109. E’ proprio vero che chi ha il pane non ha i denti! ops! scusa, non volevo! Ma di cosa ti lamenti? Io per la perdita dei miei denti non ho visto neppure dieci lire e in più sai che bello spettacolo una signora defenestrata…. :o#
    comunque credo che per l’implantologia 1000 lire non servano a molto… spero poi che tu non abbia investito quei soldi in azioni parmalat…

  110. Ciao Fabio, come stai?
    trascorso bene il fine settimana, e il ponte? Buon inizio settimana!Baci

  111. passo velocemente per un salutino…………

  112. Ma non era la fatina dei denti? Boh…..insomma…qualcuno passava….. 🙂 L’importante erano che arrivassero i soldiniiiii…….

  113. Ti svelo un segreto che pochi sanno: i miei dentini da latte non sono mai caduti, persino il dentista si è sorpreso di come erano fissati ben saldi e non volevano cadere da soli nemmeno sotto la spinta dei definitivi. Me li ha tutti lui con tanto di pinza e anestesia. Che tristezza, anch’io volevo il dentino che dondolava, la paura di toglierlo e tutte quelle belle cose! Altro che topo, ha dovuto pagare la mia mamma il topone col camice bianco. ciao ciao

  114. scusate se ultimamente passo solo per chiedere favori e non commento i vostri post mi prometto di rifarlo a partire da domani, ma ho bisogno di voi per un desiderio di una ragazza di 35 anni celebrolesa che tramite i gemitori sulla Nazione giornale locale ha mandato un appello di avere un unico desiderio per questo giorno importante per lei ricevere moltissimi auguri via mail. non vi costa nulla passate da me è riportato fedelmente e interamente l’articolo e la mai di Claudia , grazie se regalate un sorriso a lei lo regalate anche a me.

  115. Buongiornoooooo!!!Ma ancora nn sei rientrato dal weekend lungo? Ma ti sembra modo? assentarti cosi tanto..

  116. proffffff
    allora, finite ste ferie?
    buongiornoooooooooooooooooooooo

  117. Buon inizio settimana Fabio

  118. Fabio, dove sei? In giro per il mondo? Batti un colpo!

  119. Anche io adoro i cani, il mio maltesino Nice per me è come un figlio, baci Poldy

  120. Grazie Fabio, oggi anche io non sono di tante parole. Buona giornata.

  121. buon giorno fabio, come la va?

  122. Bellissimo questo post…..!!! mi ha fatto ripensare a quando ero piccola…..per fortuna da me è sempre passato…anche se non era affatto generoso!!!
    buona giornata fabio!

  123. mi fa piacere che ti sia piaciuto il mio post

  124. sei stato nominato..passa da me,il topolino dei denti da latte non c’entra nulla ^^

  125. con me il tompolino è sempre stato generoso, senza esagerare ma si è sempre ricordato di me! quindi non ho un brutto ricordo, a parte il fatto della “paura” del dente che cade o, meglio, dell’impressione dell’atto…

  126. O Priof.! Che fine hai fatto? Sei ancora alla ricerca dei buchi dove mettevi i dentini?
    Saluti. – Karletto

  127. L’idea dei dentini da latte che servono a costruire un fondo per i denti da vecchio è una bella metafora della vita…saluti

  128. Ciao Fabio, quanto tempo che non passeggiavo da te. Grazie per la tua visita di oggi. Mi hai permesso di passare un po’ di tempo qui da te. Leggendo questo post mi sono ritrovata anch’io ” che di anni ne ho” a ricordare dei primi dentini caduti, il bicchiere sul comodino, i soldini,e il topolino…e anche io con una nonna che non la sentivo tale. Per fortuna che avevo l’altra….valeva per ambedue! Torno presto, devo finire di leggere dei post. Un saluto Cristina


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: