Pubblicato da: fabioletterario | 31/10/2007

Come si fa una valigia?

Ho il solito problema. Ormai si ripresenta con una certa frequenza. Non posso farci niente, chiedo anzi scusa, ma le cose cominciano a mettersi male, e non so venirne fuori.

Sapete, si tratta di quel problemino che molti conoscono, e al quale pare – per quanto mi riguarda – non esserci proprio soluzione. E’ qualcosa che mi fa stare male, perché mi rendo conto che mi rende diverso da molti, ma non vorrei neppure essere oggetto di discriminazione, in quanto mi sento discriminato per conto mio. Sì, insomma, qui ho la valigia da fare, l’ennesima valigia da fare, per essere precisi del tutto, e come al solito non ho mai voglia non solo di farla né tanto meno di pensarci per tempo. Mi scoraggia, mi disarma, mi prostra totalmente, molto di più che guardare Cucuzza alla tv, il che è tutto dire.

Ma il mio vero problema è sempre lo stesso: come si fa una valigia?

Perché, credo, così come esistono i decaloghi del buon viaggiatore, del buon insegnante, del buon blogger, del buon politico e quant’altro, dovrà anche esistere il decalogo per fare una valigia con tutti i sacri crismi. Oppure no?

Insomma, andiamo agli aspetti pratici. Innanzitutto, valigia rigida oppure morbida? Le mie cattive esperienze in aereo (tre voli e due fracassamenti totali di valigia rigida) mi porterebbero ad escludere l’ipotesi rigido. Ma stavolta che viaggio in treno? Sarà diverso oppure vale la stessa identica regola? E poi, andiamo all’interno: per prima cosa, le scarpe dove si mettono? Nell’angolo destro oppure sinistro? Vicino alle rotelle oppure no?

Procediamo. Il mio grosso problema sono sempre le camicie. Ci tengo e indosso solo quelle, mai lupetti o maglioni a collo alto, per quanto ammetto che mi piacciono e siano più comodi per il viaggio. Qualcuno o qualcuna di buon cuore mi può gentilmente spiegare come si mettono le camicie? E potrebbe anche venire a piegarmele, che non sono capace? Le camicie vanno sopra o sotto le mutande? E le mutande, quelle nuove di zecca (perché non si deve mai andare in viaggio con mutande e calzini vecchi, che non si sa mai) si devono togliere dalle scatole protettive oppure no? Si devono piegare per acquistare spazio, oppure vanno tenute aperte? E i calzini? Devo o no togliere il sottile filo che li unisce? E i maglioni, li spiaccico oppure no, che poi prendono le pieghe? E il pigiama? Sì, certo, lo so bene, il pigiama va sotto, solitamente: ma stasera io prendo un treno notturno con cuccetta: quando apriranno i lettini dovrò infilarmi il pigiama?

Non ci capisco niente. Perché poi quando mi ricordo che debbo mettere ancora il beauty e i miei fedeli libri che non devono mai mancare, ho un tale senso di oppressione che quasi quasi voglio rovesciare tutto e partire unicamente con le cose che ho addosso. Mi sale l’ansia, è più forte di me. Non parliamo poi di quando devo salire in aereo, perché è quello il momento esatto in cui mi ricordo di aver dimenticato qualcosa… E quando te ne ricordi, ovviamente, è troppo tardi: ti mangeresti le mani, ma che ci puoi fare?

Qualcuno dall’animo pio potrebbe per favore darmi qualche sensato e pratico consiglio sul come si fa una valigia?


Responses

  1. quanti giorni stai via? quattro?

    non serve una gran strategia per quattro giorni… ci sta tutto in un solo strato.
    basta non mettere niente (N I E N T E) che non sia indispensabile

  2. proprio non ti posso aiutare.
    Odio fare le valigie, lascio l’affanno alla mia dolce metà.
    Ci pensa lei sia per il contenuto che la disposizione. Mi affido e non protesto mai. Io faccio il resto: pavimenti, finestre, bagno, parquet, stiro, piatti. Ma non le valigie e in genere il bricolage domestico.

    un sorriso.

  3. caro fabio, purtroppo anch’io sono una frana in fatto di bagagli…
    quello che posso dirti è di portare con te il minimo indispensabile, se sono pochi giorni di viaggio!

  4. In confronto a te amleto era un pivello. Nel dubbio io parirei senza valigia!

  5. Con le valigie dell’andata di solito me la cavo….è quella del ritorno che diventa sempre una palla inestricabile….

  6. Io sono abituato a fare la valigia per “l’Università”: ci metto 5 minuti, ormai. Partire per una meta sconosciuta, invece, è un bel grattacapo: il pigiama direi di metterlo per ultimo, magari insieme ad un asciugamano.
    Stai via 4 giorni, in gita turistica, sei uomo: un paio di scarpe comode con cui partire e da usare in ogni situazione, un paio di ciabatte per l’albergo.

    Ah, i libri: io li metterei in uno zaino a parte, ben protetti. Quando viaggio, pesano sempre più i libri dei vestiti! Peccato che poi si legge poco…

  7. A Fabio, sta a casa và !?! :o)))

  8. io non son brava, non ho una regola…ma le camice troppo sotto fanno una brutta fine… il pigiama non lo metto infondo perchè è la prima cosa che tiro fuori all’arrivo….e per le scatole e confezioni…quelle le lascerei a casa…fanno solo volume. non schiacciare la roba e non lasciare spazio sopra altrimenti quando giri la valigia tutto si schianta verso il basso. spero che qualcuno ti dia consigli più precisi….così imparo qualcosa anche io. io non ho mai preso un aereo in vita mia e i lunghi viaggi li ho sempre fatti in treno. i paesaggi nel viaggio verso praga sono fantastici ….ti invidio un po’…un bel po’!!! per via del mio post: ma quando mai ti ho viziato? Non vuoi mai venire agli appuntamenti spriz o ad assaggiare il mio tiramisù!!!

  9. ahah ! sai la teoria per cui la donna riempie più dell’uomo la valigia ? in casa mia è l’esatto contrario , io parto spesso con un trolley dove ci sta tutto , per circa una settimana di permanenza , compresi almeno 3 libri !!
    Filippo si trova sempre a dover pagare un super sovrapprezzo per caricare la sua valigia , e alla fine gli manca sempre qualcosa ! Ti consiglio per le camicie , che comunque metteri in cima alla valigia , di piegarle mettendoci in mezzo della carta da giornale , incredibile ma vero si stropicciano meno !
    io le scarpe di solito le metto ai lati e ci incastro le cinture e i jeans , anzichè metterli piegati , li arrotolo e li metto alla fine , nei buchi che avanzano , il jeans , tanto , non si stropiccia !!!
    buon viaggio !
    v

  10. Io sono più fortunata, ho un marito a cui far fare le valigie:O))))

  11. prendi una valigia, chiami una donna e gli dici “non c’è la farò mai a farci stare tutto!” … magari lei ti compatisce e fà il miracolo e tu hai una valigia perfetta, problemi sarà poi rifarla quando devi tornare.

  12. consiglio: fai un po’ di esercizio col tetris…vedrai che ci starà tutto!!! :p

  13. La mia valigia è sempre un gran casino…la faccio all’ultimo e dimentico inesorabilmente qualcosa…però, non so per quale strano miracolo, non c’è mai nulla di stropicciato…o quasi! 😉

  14. Il pigiama sopra, assolutamente, come fai a toglierlo per primo altrimenti?
    Via tutte le confezioni, le camicie di solito le piego normalmente ma lascio il collo sollevato cosi’ non si raggrinzisce.
    Quando devo fare le valigie comincio una settimana prima per essere certa di non dimenticare nulla, cosa che regolarmente succede lo stesso, ho avuto pero’ un fidanzato, secoli fa che si era creato uno schemino al pc con tutte le caselline che ogni volta, prima di partire doveva barrare per essere certo di portare tutto. Aiuto!!

  15. si fa …..
    fare alla mamma

  16. Le valigie sono il tallone d’achille di CHIUNQUE, credo. Io butto, butto butto. All’inizio almeno pensavo a fare i completi. Cioè: se portavo un pantalone nero vedevo poi di infilarci anche una maglia nera, di contare le serata eleganti e quelle invece da polleggio in casa. Ora è diventato complicato, anche perchè voi uomini avete la pessima abitudine di farvi fare le valigie dalle moglie. Ed io, che moglie la sono, sono costretta a fare anche la valigia del maritozzo. Dunque valigia scazzosissima, che quando la apro penso caterinachetestadicavolo con conseguenti malumori perchè non c’è niente di peggio che essere via di casa ed avere cose scomode o sentirsi a disagio. Perciò butta tutto, fregatene, ma fai gli abbinamenti, per piacere..

  17. Nelle mie valigie ci sta tutto, perchè faccio tante valigie quanto è la roba che mi serve 😉 Lite puntuale col marito che invece è minimalista. A me piace avere tutte le mie cosine quando sono fuori. Butta dentro alla “come me viene” perchè se inzeppi tutto in una valigia manco S. Gennaro poi t’aiuta a tirare fuori la roba non stropicciata. O due valige con la roba ben messa e sistemata, o una sola con tutto compresso a due atmosfere 😉
    Cmq, cosa più pallosa del fare una valigia non esiste…
    Buon ponte.
    R.

  18. Dal basso delle mi esperienze direi che in basso è meglio metterci le cose che meno soffrono stropicciamenti: scarpe, maglioni, magliette, biancheri intima… poi via via sali con le cose più delicate e in cima ci metti le camice…
    Inoltre ti consiglio di sforzarti di complilare una lista con alcuni giorni di anticipo, magari da aggiornare di giorno in giorno così hai già sott’occhio quello che metterai in valigia e puoi pensare a come organizzare meglio la logistica delle mutande & co.

  19. o cavolo… no no no la valigia no!!!
    io odio fare la valigia!!!
    guarda ti lascio un super sorriso e tanti auguroni per la valigia!!!
    ih ih ih!!!

  20. io non ne ho proprio idea – mi è alieno il fatto che esista un metodo per “fare la valigia” – in genere prendo le cose e le stipo nella sacca da marinaio quasi fino all’eslosione – comunque … buon viaggio 🙂 dawoR***

  21. allora, innanzi tutto rilassati!
    poi..

    1. Fai una lista. Scrivi tutto quello che ti viene in mente, così non rischi di dimenticarlo.
    2. Naturalmente NON rigida, perchè lo spazio è limitato, quelle morbile sono più “estendibili”..:)
    3. Prima di tutto metti le scarpe, se stai 4 giorni (considerando il fatto che sei un uomo) due paia andranno più che bene, questo significa: un paio addosso, un paio in valigia (devi incastrarle prima fra di loro, in modo che la punta interna dell’una tocchi l’apertura della scarpa e viceversa). Se è un trolley devi incastrarle fra le barre che contengono il carrello della valigia, se no, va benissimo un qualsiasi angolo (anche se tendenzialmente ti direi in alto a destra..). Ah..nel caso in cui usi ciabatte da camera e/o da doccia, anche per queste vale lo stesso procedimento.
    4. Se vuoi portare più d’una cintura, quelle che non indossi arrotolale e mettile dentro le scarpe, non rubano spazio ed evitano che queste si deformino.
    5. Non so in che albergo andrai a stare, ma nel caso in cui tu debba portare con te phon, asciugamani e beauty vari questi vanno messi anch’essi alla base della valigia. Naturalmente devi fare eccezione per i beni di prima necessità (leggasi una piccola asciugamano e lo spazzolino) che vanno collocati invece prima d’ultimare la valigia.
    6. Adesso, fai una cernita dei libri. Se ne porti più d’uno è improbabile che tu riesca a leggerli tutti in una notte, quindi scegli quelli che non leggerai subito e mettili in fondo, non solo eviterai di rovinarli ma creerai una base piatta sulla quale poggiare il resto dei vestiti.
    7. Se la valigia ha una tasca interna solitamente io la uso per l’intimo e per le calze. Se la tasca non c’è allora tutto ciò ti servirà per riempire spazi vuoti alla base della valigia. Le cose non vanno riposte a casaccio, devono incastrarsi fra di loro, è l’unico modo per risparmiare spazio e stropicciare il meno possibile gli abiti. Naturalmente devi togliere ogni confezione rigida, nonchè etichette troppo grandi.
    8. A questo punto, maglioni e pantaloni. Non piegarli troppe volte, sono più voluminosi.
    9. Camicie: vanno rigorosamente messe alla fine. Com’è naturale si spiegheranno un po’, ma se sono ben stirate e piegate basterà appenderle non appena arrivi per poterle indossare senza nessun problema. Contemporaneamente puoi mettere anche il pigiama ed eventuali magliette intime.

    Cioè è allucinante quanto sia semplice fare una valigia per un uomo..!

    P.S. [Scienza delle Finanze
    Economia Aziendale
    Storia della Codificazione
    Informatica per Giurisprudenza

    e nel frattempo preparo Diritto Processuale Civile, che ho l’esame i primi di Dicembre..]

  22. credo che dopo tanti commenti avrai gia’ fatto la valigia…comunque volevo augurarti buon viaggio..

  23. A me la valigia la fanno i miei… mio fratello è molto bravo a piegare camicie e cappotti! Per quanto mi riguarda quindi non ti saprei aiutare… sorry! Buon viaggio… poi mi racconti tutto e cerca di fare tante foto!

  24. io l’ho appena disfatta la mia valigia…
    😦

    buon viaggio

  25. Preferisco lo zaino, più comodo, anche perchè lo porto con me sull’aereo, sia pure per lunghi viaggi. Sacrificherò qualcosa, ma la semplicità e la comodità è ciò che perseguo.

    Felicità

    Rino, semplificando la vita.

  26. Arrotola tutto con cura.
    Vengono meno pieghe che a cercare di tenere le cose stirate e ben riposte.

  27. Chi viene e chi va…io sono appena tornata e tu stai salendo su un treno!
    Buon viaggioooooooooo!!!!!!!!!!!!!

  28. Fabio, stai partendo per l’America col Titanic?
    Mesi di traversata oceanica?
    A te serve un baule di quelli che usò la madre della mia nonna quando se ne andò in America a fare la sartina…era di legno pesante e oggi, dopo averlo amorevolmente ereditato, ci tengo i piumoni.
    Quattro piumoni ingombrantissimi, per la precisione.
    Eddai che si tratta di un week end! 🙂

  29. Caccia tutto dentro (magari arrototolato, non ci avevo mai pensato, beel’idea) incastra bene, spingi e chiudi nel minor tempo possibile e poi goditi la serata… tanto la disfi domani!!!

  30. Ormai si è detto tutto e giustamente qualcuno pensava che a questo punto sei gia in viaggio. Buon ponte di novembre, goditi la piccola vananza, ritorna più riposato e poi ci racconti!

  31. Per me il problema è disfarla e riporla nell’armadio. Quella delle vacanze estive viaggia ancora di sedia in sedia…

  32. L’importante é che ci sia lo spazzolino da denti…Poi falla come ti viene tanto le camicie si spiegazzano sempre e comunque.

  33. Metti la biancheria, lo spazzolino e poi fai un po’ di shopping e rinnovi il guardaroba 😉 Scherzo.
    Buon viaggio.

  34. veramente fare una valigia e’ un problema?
    Falla e poi se ti soddisfa prendi appunti cosi’ la prossima volta hai gia’ il manuale del perfetto viaggiatore 🙂

  35. Rilassati.
    Cerca il Manuale delle Giovani Marmotte in cui (se non ricordo male, che e’ un po’ che non mi casca l’occhio su quel libro 🙂 ) si spiega come fare. C’e’ anche il consiglio di Lavinia li’ (Lavi’, e’ da li’ che l’hai preso vero?), quello di arrotolare la roba. 🙂
    Ho un’amica che per due settimane in Italia porta 7 pigiami per ciascun figlio (e ne ha 3!!) e anche io un tempo, seppur non come lei, mi portavo sempre troppa roba.. ma da un paio di anni riesco a viaggiare MOLTO piu’ leggera: l’anno scorso, per una permanenza di 40 gg in Italia, me la sono cavata con un borsone e uno zaino per me e i miei due bambini! Va precisato che sono partita d’urgenza e per forza di cose non ho avuto il tempo di strafare; va detto anche che era estate e, si sa, d’estate e’ molto piu’ facile; e va anche aggiunto che sono andata con un borsone e sono tornata con due!
    Una delle cose che trovo utili e’ avere sempre pronta una borsa con la roba da “toeletta”, tutto quello che devi fare e’ infilarla in valigia e c’e’ gia’ tutto, praticamente il doppione di quello che uso ogni giorno (e se non viaggi spesso ogni tanto va sostituito il dentifricio e/o lo spazzolino)
    Comunque per un viaggio cosi’ breve, io la valigia non la porterei proprio. Un bello zaino e’ piu’ comodo da trasportare e ti basta. Pigiama, un paio di camicie, un pantalone, un jeans, un maglione e un paio di scarpe comode e’ tutto quello che ti serve (oltre la biancheria, naturalmente.. e altrettanto naturalmente nuova, che come dici tu non si sa mai! (Ma non si sa mai che cosa????))
    Uhm.. ma guarda che commento lunghissimo ti ho fatto.. sono proprio una mamma che da’ troppi consigli.. e io che volevo solo augurarti di divertirti e di fare buon viaggio (e magari a quest’ora sei gia’ partito..)
    [A proposito, parti anche tu senza di me?? Non mi inviti??]

  36. Vabbé, Chota sembra ti abbia detto tutto l’essenziale (io l’avrei fatta così anche senza lista, e pur senza essere un uomo. Nella mia sopra tutto il resto vanno i beauty (due, uno per le creme e le spazzole, l’altro per i trucchi).
    Bacio, buon primo novembre.

  37. A: non ti succederà niente, se non fai la catena! 😛
    B: Valigia: ma che è quest’ansia nel preparare la valigia che avete tutti? E che succederà mai se per tre giorni lasciata a casa qualcosa, fosse anche il cellulare? Vuoi un consiglio praticissimo per fare la valigia? Allora. Se il viaggio dura pochi giorni (oramai sarai in viaggio, ti servirà per il prossimo), portati solo un paio di scarpe: quelle che indossi. Tante mutante e calzini quanti sono i giorni di soggiorno, possibilmente in una tasca laterale, sennò in un sacchettino a sé, messo da una parte. Maglioni e pigiama li puoi pigiare insieme. Le camicie? Infilale in una busta di plastica, di quelle con la zip in cima e nel mezzo metti un cartoncino di sostegno. Quando chiudi la zip, spiaccicale, stando attento a non fare grinze, per fare uscire tutta l’aria, si manterranno perfette. Nel beauty: spazzolino, dentifricio e filo interdentale; un paio di forbicine per le necessità; tachipirina (non si sa mai); un pettine, una crema idratante e rizzati (magari nel tuo caso ci vorrà anche il necessaire per la barba). Et… le jeux sont faites! Bon voyage!

  38. stesso problema anche noi! rifiuto psicologico, nausea all’idea, voglia di andar via nudi ai quali si aggiunge la litigata verso l’una di notte perché mancano poche ore alla partenza e la valigia ancora non è stata iniziata. Il tutto si conclude con un “damage report”: una volta giunti a destinazione il bagaglio arriva puntualmente danneggiato e ci vogliono mesi per risolvere la questione.
    PS: purtroppo come vedi non sono in grado di darti alcun consiglio. Hai però la mia simpatia e comprensione 🙂 ciao

  39. Brava dinzi!

  40. Ciao,vuoi saper com’è andata a finire??abbiam cambiato meta ç_ç era meglio Corinaldo ma non mi posso lamentare in fondo..
    Bene,io preparo una lista circa una settimana prima(sei già in ritardo eh??) con tutto quello da mettere…anche perchè ogni giorno ricordo qualcosa:phon,pettine,spazzolino sono i miei tabù…
    Però ammetto che al ritorno la valigia pesa di più…e devo ancora capire il perchè…in teoria dovrei dimenticarmi sempre qualcosa in giro!!!^__^

  41. Hai visto quanta solidarietà? … Segui i consigli di Chota. Costanza

  42. io seguo i consigli ddei gatti, nel senso che passo il tempo a toglierli dalla valigia, strato dopo strato 😛
    però buona regola e merttere la roba in strati sottili
    credo che la valigia morbida sia meglio, ma sono opinioni personali, mio marito e mio figlio preferiscono le rigide

  43. ho problemi col pc, forse dovrò portarlo dal… veterinario

  44. il problema principale è che quando la fai bene o male ci sta tutto..poi quando devi ripartire misteriosamente non ci sta più niente..che mistero!!!

  45. PRENDI IL NECESSARIO E NON PREOCCUPARTI SE VIENE QUALCHE PIEGHETTA DI TROPPO, NESSUNO CI FA POI MOLTO CASO. LE COSE PESANTI IN FONDO E VIA VERSO L’ALTO CON LE PIU’ LEGGERE. MI RACCOMANDO MOLTO INTIMO, NON SI SA MAI…. MA CHE TI DEVE SUCCEDERE? GOMEZ DIVERTITI E BASTA, GUARDA E SCOPRI ANCHE PER ME. MORTICIA

  46. Impossibilitato a darti consigli: ho il tuo stesso problema. Domani ho un borsone da riempire e non ho idea di cosa. Anch’io viaggerò in treno… 😦

  47. Mamma mia! Ha ragione il tuo Pierino: sei proprio un fighetto! Mutande nuove? Ma parti per imbroccare o per visitare una citta’?
    Sulle valigie non ho esperienza. Ti potrei dare solo qualche consiglio su come fare uno zaino che ti devi portare sulle spalle per una settimana = portare poco, portare sempre meno di quello che pensi! Altro che camicie!
    Divertiti e non pensare a cosa mettere!
    Un caro saluto,

  48. mi sono copiato la lista di Chota, che non torni mai utile lol 😀

  49. La cosa più difficile è rimettere tutto nella valigia quando si deve tornare dalla vacanza. Una tragedia.

  50. La mia regola sperimentata è: poca roba, il minimo possibile (biancheria per i giorni che si resta, uno, o al massimo due cambi), tanto se manca qualcosa si può sempre comprare lì. Ah, un ombrello pieghevole sempre in questa stagione!!
    Biba

  51. Dipende sempre dalla quantità di giorni d’assenza e da cosa uno necessita… a proposito, bravo che me l’hai ricordato che domattina alle 5 parto pure io, vado a farmi la mia per adesso….

    Buona domenica

  52. e soprattutto…dove si trova la forza per disfarla al ritorno??

  53. ecco alcuni sugerimenti che in mesi di esperienza di pendolare per lavoro e sentimento mi sento libera di dati:
    1- poca roba, sì, ma senza esagerare..
    2- nulla di troppo ingombrante
    3- sistema tutto quello che hai intenzione di portari sul letto in modo da poter vedere quanto spazio richiede e tutti i possibili abbinamenti che puoi ottenere con il minor numero di indumenti…
    4- se viaggi per lavoro è fondamentale non stropicciare troppo la roba; se invece viaggi per priacere, al diavolo tutti e chi se ne frega di due spiegazzamenti in più
    5- se comunque sei un fedelissimo delle camicie ricordati sempre quando le pieghi di mettervi un foglio di carta velina sul dorso e di non schiacciarle mai troppo..
    6- io consiglio sempre un borsone morbido perchè le valigie rigide lasciano dei lividi pazzeschi sulle caviglie!! dissaventure personali a parte- sul fondo disponi tutto ciò che non si strafugna troppo, poi pigiama pantaloni maggliette e maglioni vari, vegli angoletti calzini e mutande, mai dimenticare un ombrello pieghevole, nelle tasche laterali le scarpe e in cima, con molta delicatezza le sacre camicie…
    7- solo per ultimi e senza scompigliare troppo la roba i libri, sempre a portata di mano insieme all’i-pod!!

    questo è tutto….ma fondamentale è il rito dello scompigliamento di tutto ciò che si è preparato con tanta cautela, che talvolta avviene sulla soglia di casa, ma che a me coglie di preferenza quando sono già in taxi….

  54. Mi dispiace aver letto il post dopo che sei partito e tornato (a proposito, ho visto Praga nel 1994, ho paura di tornare e trovarla la solita città turistica come allora certo non era), mi dispiace perchè così non ho potuto esserti d’aiuto ma non posso non dire la mia anche se in ritardo, proprio non posso: per anni sono stata presa in giro come quella col master delle valigie e ora mi faccio sfuggire l’occasione???? Il vero trucco è la lista che secondo me va cominciata con anticipo, la metti sulla scrivania, nell’agenda, dove vuoi, e poi ci scrivi sopra ciò che ti viene in mente volta per volta, ciò permette anche di avere una lista campione che va bene un po’ per tutto.
    E poi c’è il trucchetto del ripercorrere mentalmente ciò che si farà per esempio prima di andare a dormire e così scrivi ciò che serve in quel momento (spazzolino, dentifricio e via dicendo).
    Nel metter via le cose, scarpe , biancheria e pigiama sotto, il resto sopra a cominciare dalle cose che si sgualciscono meno e a finire con le camicie.
    Ma la realtà è che bisognerebbe portare poca roba e se ti dimentichi qualcosa chi se ne frega, la compri lì: la nostra occidentale civiltà è arrivata anche nei recessi dell’africa nera dove si possono trovare i biscotti del mulino bianco….Ho conosciuto un uomo a cui devo molto che mi ha insegnato a partire col “nulla” e ti assicuro che vale la pena, viviamo affogati nel superfluo e ce ne rendiamo conto solo quando rimane l’essenziale (sempre all’africa devo anche questa scoperta).
    Buon viaggio leggero quindi….

  55. ok credo di essere un po’ in ritardo ma mi sono imbattuta in questo blog per caso…avevo appena digitato su google la frase:” come fare una valigia?” ed eccomi qui…domani parto per Milano…ho solo un bagaglio a mano e circa un miliardo di cose potenziali che potrebbero servirmi…come fare? ho diea che risolverò il problema da sola e in notturna…
    bacio


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: