Pubblicato da: fabioletterario | 30/09/2007

La braciola di Paco

La domenica mattina non voglio essere svegliato per nessun motivo al mondo. Mi devo godere appieno l’emozione di un risveglio totalmente gestito da me, senza frette né premure: è roba soltanto mia, e varia di volta in volta, fermo restando che non deve avvenire prima delle nove.

Paco, il mio piccolo yorkshire, non ha ancora capito come vanno le cose, e stamattina alle 8 ha pensato bene di mettersi a giocare con la sua braciolina di plastica, una miniatura fedelissima, che emette il suono di una trombetta ogni volta che la morde. Sulle prime credevo fossero i bambini dell’appartamento di fianco, poi però mi sono ricordato che la bestiaccia aveva quell’aggeggio infernale regalatogli da mia sorella in un momento di pura follia. Così, sono sceso dal letto e mi sono alzato per rimproverarlo di fare più piano e di finirla a quell’ora del mattino, credendo che lui capisse. Mi ha guardato con i suoi occhietti vispi, ha scondinzolato un po’, poi si è accucciato.

Tuttavia, nonostante le mie richieste, non c’è stato niente da fare. Ha continuato imperterrito a rompere l’anima, finché alla fine ho dovuto alzarmi e abbandonare il mio letto caldo, quando il sole sembrava appena alzarsi all’orizzonte.

Per tutta la mattina ho avuto la luna storta. Lui, imperterrito, ha continuato a rompere l’anima con quella maledetta braciolina, incurante del fatto che volevo almeno approfittarne per leggere. Macché! Poi però, la rivincita è arrivata.

A mezzogiorno, tutti in tavola. Lui mangia il cibo nella sua ciotola, per la precisione lo divora in un battibaleno, quindi si piazza ai miei piedi. Cosa mangio? Una braciola.

Lui annusa il profumo. Sa che è carne, di quella buona, spessa e condita. Mi guarda come io lo guardavo stamattina, nel tentativo di impietosirlo a lasciarmi dormire, ma con me non attacca.

“Vuoi la braciola?” Gli chiedo, perfido.
Lui pare annuire.
“Allora prendi questa!” Dico, e gli allungo la sua braciolina. Ma quella sonante, però!


Responses

  1. 😀 😀 😀
    non so se dire povero paco o povero te!!!

  2. Ti rendi conto che Paco è come un bambino di 2-3 anni? Cambiagli il giochino con qualcosa di utile per i suoi denti,che non suoni! E’ inutile che tu eserciti su di lui sentimenti umani,come la vendetta.Non li recepisce,perchè il rancore e la vendetta non è nel DNA dei cani.Lo so! mi inviti a leggere questo genere di post per farmi arrabbiare,bambinone mio!
    Un bacio a te e a PACO

    Cristiana

  3. pensa che la cuccia del mio cane (gigante) è proprio sotto la finestra della camera da letto.
    ecco, lui russa più forte di come potrebbe fare un uomo grasso ubraco col raffreddore.
    abbiamo voluto un cane? ….
    🙂

  4. Quando si fa la scelta di avere un cane in casa si sa a cosa si va incontro.
    Amalo!

    Marco

  5. Molto divertente l’aneddoto!
    La prossima volta però compragli un giocattolino o braciolina di plastica, quello che vuoi, ma senza sonaglio 😉
    Ciao.

  6. :-))))) no comment!!!

  7. Mmm…potevi “operare” la valvolina della braciola in modo da renderla inoffensiva!!

  8. Aho, ma sei proprio crudele, sai!

  9. crudelissimo!!!!
    povero cucciolo di cane…
    che vuoi, ti voleva SOLO scaraventare giù dal letto la domenica mattina!!

  10. Hi hi hi, terribili entrambi.

  11. L’avevo intuito! C’è gioco e gioco,però. Mi sembri Crudelio.
    Scherzi a parte,lo sai che sto sempre dalla parte dei cani.

    Bacio a Paco

    Cristiana

  12. Beh, Paco ti fa allenare per quando un domani avrai dei bambini e ti dovrai dimenticare di dormire la domenica mattina, caro.

    Un caro saluto,

  13. povero cane…
    per evitare di essere svegliato, prova a dargli braciole vere, con molto aglio e molto pepe, cosi odiera’ le braciole e non tocchera’ nemmeno piu’ quella musicale, perche’ dovrebbero somigliarsi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Pubblicato da: fabioletterario | 30/09/2007

La braciola di Paco

La domenica mattina non voglio essere svegliato per nessun motivo al mondo. Mi devo godere appieno l’emozione di un risveglio totalmente gestito da me, senza frette né premure: è roba soltanto mia, e varia di volta in volta, fermo restando che non deve avvenire prima delle nove.

Paco, il mio piccolo yorkshire, non ha ancora capito come vanno le cose, e stamattina alle 8 ha pensato bene di mettersi a giocare con la sua braciolina di plastica, una miniatura fedelissima, che emette il suono di una trombetta ogni volta che la morde. Sulle prime credevo fossero i bambini dell’appartamento di fianco, poi però mi sono ricordato che la bestiaccia aveva quell’aggeggio infernale regalatogli da mia sorella in un momento di pura follia. Così, sono sceso dal letto e mi sono alzato per rimproverarlo di fare più piano e di finirla a quell’ora del mattino, credendo che lui capisse. Mi ha guardato con i suoi occhietti vispi, ha scondinzolato un po’, poi si è accucciato.

Tuttavia, nonostante le mie richieste, non c’è stato niente da fare. Ha continuato imperterrito a rompere l’anima, finché alla fine ho dovuto alzarmi e abbandonare il mio letto caldo, quando il sole sembrava appena alzarsi all’orizzonte.

Per tutta la mattina ho avuto la luna storta. Lui, imperterrito, ha continuato a rompere l’anima con quella maledetta braciolina, incurante del fatto che volevo almeno approfittarne per leggere. Macché! Poi però, la rivincita è arrivata.

A mezzogiorno, tutti in tavola. Lui mangia il cibo nella sua ciotola, per la precisione lo divora in un battibaleno, quindi si piazza ai miei piedi. Cosa mangio? Una braciola.

Lui annusa il profumo. Sa che è carne, di quella buona, spessa e condita. Mi guarda come io lo guardavo stamattina, nel tentativo di impietosirlo a lasciarmi dormire, ma con me non attacca.

“Vuoi la braciola?” Gli chiedo, perfido.
Lui pare annuire.
“Allora prendi questa!” Dico, e gli allungo la sua braciolina. Ma quella sonante, però!


Responses

  1. 😀 😀 😀
    non so se dire povero paco o povero te!!!

  2. Ti rendi conto che Paco è come un bambino di 2-3 anni? Cambiagli il giochino con qualcosa di utile per i suoi denti,che non suoni! E’ inutile che tu eserciti su di lui sentimenti umani,come la vendetta.Non li recepisce,perchè il rancore e la vendetta non è nel DNA dei cani.Lo so! mi inviti a leggere questo genere di post per farmi arrabbiare,bambinone mio!
    Un bacio a te e a PACO

    Cristiana

  3. pensa che la cuccia del mio cane (gigante) è proprio sotto la finestra della camera da letto.
    ecco, lui russa più forte di come potrebbe fare un uomo grasso ubraco col raffreddore.
    abbiamo voluto un cane? ….
    🙂

  4. Quando si fa la scelta di avere un cane in casa si sa a cosa si va incontro.
    Amalo!

    Marco

  5. Molto divertente l’aneddoto!
    La prossima volta però compragli un giocattolino o braciolina di plastica, quello che vuoi, ma senza sonaglio 😉
    Ciao.

  6. :-))))) no comment!!!

  7. Mmm…potevi “operare” la valvolina della braciola in modo da renderla inoffensiva!!

  8. Aho, ma sei proprio crudele, sai!

  9. crudelissimo!!!!
    povero cucciolo di cane…
    che vuoi, ti voleva SOLO scaraventare giù dal letto la domenica mattina!!

  10. Hi hi hi, terribili entrambi.

  11. L’avevo intuito! C’è gioco e gioco,però. Mi sembri Crudelio.
    Scherzi a parte,lo sai che sto sempre dalla parte dei cani.

    Bacio a Paco

    Cristiana

  12. Beh, Paco ti fa allenare per quando un domani avrai dei bambini e ti dovrai dimenticare di dormire la domenica mattina, caro.

    Un caro saluto,

  13. povero cane…
    per evitare di essere svegliato, prova a dargli braciole vere, con molto aglio e molto pepe, cosi odiera’ le braciole e non tocchera’ nemmeno piu’ quella musicale, perche’ dovrebbero somigliarsi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: