Pubblicato da: fabioletterario | 21/01/2007

La nebbia della domenica

E’ una domenica piacevolmente immersa nella nebbia. E’ così spessa che è impossibile pensare che sia frutto di gocce e di umidità, e, potendo, allungherei una mano per riempirmi di quella.

La guardo dalla finestra. E’ uno specchio dell’anima, oggi. La nebbia della domenica è un ponte sul niente, del quale tuttavia non puoi che fidarti. Porterà da qualche parte? Poggerà davvero sull’altra sponda? O, attraversandolo, cadrò nel fiume, perdendomi per sempre?

Mi fido. Attraverso la nebbia. Mentre lei attraversa me.


Responses

  1. ciao..
    ti offendi se ti dico che apprezzo di più i tuoi scritti ora,che prima,quando ne pubblicavi 20 al giorno???
    Scusa la schiettezza 🙂

  2. amo la nebbia, sono di valenza, alta sul Po

  3. mmm….a me la nebbia nnon piace xchè non vedo nulla e mi sento intrappolata.

  4. E’ tutta questione di provare: poi, magari, riesci a camminare sulle acque…

  5. Ma mè m’attacc al muret, dicevail nonnino di “Amarcord”.
    (Ma io mi attacco al muretto. In riminese. Sicuramente non si scrive così)

  6. la nebbia mi piace quando, come la descrivi tu, posso guardarla dal caldo tepore di una casa. Mi fa paura quando mi ci trovo immersa mentre guido!
    grazie della risposta sul mio blog relativa alle assemblee prof-genitori! 🙂

  7. la nebbia m da un non so ke di….magia…xrò….ma intristisce parekkio…..


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: