Pubblicato da: fabioletterario | 30/11/2006

Voglia di funghi

Ho voglia di mangiare funghi. E non è una voglia di quelle che ti passano: mi ha preso stamattina e non riesco a staccarmene.

Li ho sempre amati, i funghi, specie se mangiati in zuppa oppure in risotto. Ma davanti al profumo di terra, mi sciolgo completamente.

Ha qualcosa di indubiamente erotico, il fungo. E’ la ricerca di un frutto che si nasconde, difficile da trovare, se non si è astuti nella sua ricerca, ma soprattutto è un frutto per intenditori, perché riesce a regalare il suo intenso sapore e il suo intenso aroma solo a quelli che hanno voglia di dedicargli un po’ di attenzione.

Io non mi fermo al sapore. Ho bisogno di sentire l’odore, di toccarlo quando sto per curarlo, prima di ripulirlo dalla terra, perché annusandolo risalgo alla sua storia. Un fungo molliccio non fa per me: ho bisogno di funghi solidi, che siano leggermente umidi, e che si allarghino in aroma e delicatezza.

Faccio appello a quanti mi leggono dalla montagna: io sono qui. Ricopritemi di funghi e vi amerò per tutta la vita…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: