Pubblicato da: fabioletterario | 20/10/2006

Le radici dell’edera

Ieri pomeriggio ho guardato lungo il muro di una vecchia casa di sassi e sono rimasto incantato. Ho infatti trovato i segni di una antica radice di edera, che non era stata strappata dalla forza dell’uomo.

Giacevano su quel muro, i segni inequivocabili di una vita che aveva cercato sino alla fine di rimanere aggrappata alla speranza di rivedere il sole e di continuare a vivificare. Invece, il sole ha bruciato definitivamente i suoi tentativi, già segnati dalla mano dell’uomo.

In quelle radici morte, ho scoperto le tracce di una vita che persiste.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: