Pubblicato da: fabioletterario | 14/10/2006

Odore d’immacolato

C’è un odore, sopra gli altri, che non appartiene ai sentori comuni: è quello degli abiti o delle cose nuove di steccha, che non sono mai state ancora scartate o toccate da mano umana.

Non sono un feticista di questi odori, non li amo in modo particolare. Ma prima ho tirato fuori da una custodia un golf bianco, candido, e ancora intonso, che non ricordavo di avere nel cassetto. Non so chi me lo abbia regalato, né quando, ma ha quell’odore di misto-plastica-paradiso, tipico delle cose nuove.

Sembra di essere ancora più lindi, indossando questi abbigliamenti nuovi fiammanti. Sempre che, come nel mio caso, qualcuno, annusandoti come un segugio, non finisca poi col dirti: ma l’hai lavato, questo coso? Puzza!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: