Pubblicato da: fabioletterario | 20/09/2006

Lacci incastrati

Possibile che ogni volta che arrivo a casa all’una, e soprattuto ogni volta che muoio di fame, cerco di togliermi le scarpe e mi ritrovo con i lacci incastrati come il nodo di Gordio?

Davvero: certe volte credo che dovrei sul serio essere solomonico. Taglio tutto e via!

Strano: questo pensiero mi sa che vale anche per la mia vita. Quando mi sento incastrato o ho bisogno di fare in fretta, dovrei imparare a tagliare e tirare dritto. Peccato che troppo spesso finisce che, nel tentare di liberarli, anche io mi ficco nei nodi altrui!


Responses

  1. buongiorno fabietto…ammazza devi avere una gran fame per essere così stressato!!!!

  2. oggi scendo dall’autobus e mi avvio chiacchierando con un collega: il tacco s’incastra nel buco di un tombino e volo lunga distesa(recuperata dal collega): se il sandalo si fosse sfilato non sarei caduta, eppure è un leggero chanel dal tacco a spillo!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: