Pubblicato da: fabioletterario | 26/06/2006

I nomi

I blogger in genere non amano confidare il proprio vero nome. Chi per scelta, chi per creare un personaggio, chi perché sul suo blog parla di lati di sé che la società non ama o non riconosce o, peggio ancora, non rispetta.

Nel mio caso, il mio nome è quello vero. Come tutto ciò che scrivo sul mio blog. Ho per altro avuto modo di conoscere altri amici blogger, e di scoprire il loro nome vero, ed anche una parte della loro vita. E’ una delle prove di fiducia maggiori che io possa chiedere ad amici che, per il momento, lo sono solo virtualmente.

Il nome. E’ qualcosa di talmente personale, che ci qualifica a vita. Io non amo chiamare né gli alunni né gli amici per cognome, è un po’ come depersonalizzarli. Amo quelli che parlano di sé in modo aperto, questo sì, e non riesco ad avere simpatia per quanti si nascondono. E’ più forte di me.

Ad ogni modo, sto scoprendo molti amici, molte affinità, e conoscendo tante persone. Il nome è quello che li rende unici, che li rende diversi. Perché alla base di tutto c’è un unico filo conduttore: il rispetto e la correttezza.

Voglio i nomi, ragazzi. E siate voi stessi.


Responses

  1. Ricordati le parole di Shakespeare:
    “Cosa c’è in un nome? Ciò che chiamiamo rosa anche con un altro nome conserva sempre il suo profumo”

    🙂

  2. Ma Silvietta, spero non ti sia espressa a causa di questo post! Io lo sapevo già! :-)))

  3. MariaGiovanna

  4. Ebbene sì, il nome non lo voglio proprio dire. Non perchè abbia qualcosa da nascondere, anzi, tendenzialmente parlo molto liberamente dei miei stati d’animo. Ma perchè scrivere su un blog per me significa scaricare e confrontarsi a prescindere dal mio nome. E’ una dimensione parallela di conoscenza, per quel che mi riguarda non meno vera di quella “reale”.
    Il blog è come un confidente misterioso, innominato, costituito da tanti quanti sono gli interlocutori con cui ti relazioni ma non per forza fatti di fisicità e nome. E a volte più noti dei tanti nomi di sempre.

  5. No, e’ stato un piccolo gesto … ma qui saro’ sempre Erynwen 😉

  6. mmmmm…..io non ci ho ancora pensato.
    in realtà ho aperto da pochi giorni un blog mio ed effettivamente sono già venute fuori un paio di cose della mia vita che sono personali e che non ho mai condiviso con chi conosco.
    Però alla fine è un nome….solo il nome non ti scheda..

  7. mai nascosto il mio nome anche se chatto e mi firmo con il nick.

    marianna, alias glass.

  8. il mio nome vero è William. un bel nome, non c’è dubbio… eh eh eh eh

  9. Mamma mia…!

  10. Bè…non credo sia una distinzione usare o meno il proprio nome…
    Te ne scegli uno che vuol dare un significato al blog,una tematica.
    Non è nascondersi.Il mio nome solitamente lo dico a chi ho un rapporto più confidenziale.Può sembrare sciocco che da come una persona pronuncia o abbrevia il tuo nome,scatta un tasto in te che ti dice quanto feeling,quanta intesa,simpatia ci può essere con gli occhi e la bocca che lo pronunciano?Poi ovvio,entra in gioco il raziocinio…però…
    Io prevalentemente non lo uso perchè pensano sempre che sia inventato o fittizio…invece è il mio.
    Piacere,Lucrezia.

  11. paola maria margherita sono sovrabbondante no?

  12. Abbondantissima, ma sempre accettatissima! 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: