Pubblicato da: fabioletterario | 14/06/2006

Così distante

Mi pare già tutto distante. Così distante, che credo che l’esame si sia concluso una settimana, un mese fa. La tensione si è attenuata, l’aspettativa è scemata.

Guardo poco indietro, ma quando lo faccio, mi sento diverso ogni secondo che passa. Ogni giorno, ogni settimana, ogni attimo che trascorre.

La giornata odierna è durata un’infinità.

Attenzione alla forma, attenzione alla burocrazia, attenzione infinita a tutti e a tutto. Non ho dedicato a me stesso un solo secondo. In quanto coordinatore, gran parte dell’esame dipende da me. E, come tale, i miei colleghi fanno tutti riferimento a me. Pertanto, ogni mossa concertata deve comunque fare capo a me. E’ una posizione difficile, la mia, di potere ma anche di grossa responsabilità, e la responsabilità è tanta.

E, alla fine, tutto è così distante. Da noi, da me, dalla nostra società…


Responses

  1. ma il potere non logorava chi non ce l’aveva?!
    dai un po’ non ti gongoli a sapere di averli tutti sotto il tuo controllo??!
    un pochino??!

  2. No. Perch il loro futuro viene determianto anche da me. E io penso sia una grossa responsabilità…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: