Pubblicato da: fabioletterario | 09/06/2006

Lei è un santo

Rieccomi. Otturazione fatta. Senza anestesia, ovviamente.

Mentre trapana, la dottoressa bionda commenta con frasi sempre più spaventose quanto torova. Sembra che la carie non sia superficiale, ma addirittura molto profonda. Insomma, era una specie di uovo di Pasqua, con sorpresa.

Pare non abbia pietà, mentre commenta, con una certa soddisfazione.

Intanto, infila ferro dopo ferro, punta dopo punta, trapana in profondità, e di tanto in tanto percepisco qualche scossa.

"Ma è proprio sicuro di non sentire nulla?" Insiste a chiedermi.

Io facco cenno di no.

"Mah. Allora lei è un santo. Non ho mai visto qualcosa di simile. Io ho bisogno di una doppia anestesia appena mi toccano…"

Dopo 45 minuti, tutto è finito. Io posso finalmente respirare, lei riposare dopo la faticata.

"E’ stata una scoperta che non mi aspettavo." Dice.

Le faccio presente che abbiamo un altro appuntamento, e le chiedo se mi aspettano altre sorprese come questa.

"E chi lo sa? Penso di no, ma non si sa mai…"

Io faccio le corna. Lei scoppia a ridere.

Alla prossima settimana…


Risposte

  1. Sono veramente ma veramente ammirata, il dolore mi terrorrizza; il pensiero del dolore più che il dolore in sé. Comunque non ho capito perché eviti l’anestesia, problemi con i farmaci?

  2. Mi fa più impressione quella, del dolore che può durare alcuni secondi…

  3. Ma come e’ che molti dentisti hanno l’alito pesante?

  4. Mi vengono i brividi solo al pensiero! Complimenti per la resistenza!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: