Pubblicato da: fabioletterario | 08/03/2006

Qualcosa di gioioso

Finalmente, dopo questa giornata grigia che più grigia non si può, una nota certamente positiva: mia mamma sta preparando gli arancini di riso. Non li fa da una vita, e oggi si sentiva ispirata.

Avrà capito che oggi ho passato le pene dell’inferno?


Risposte

  1. Le mamme capiscono un sacco di cose…per fortuna…buoni gli arancini!:p

  2. Ed è bello quando sei giù avere qualcuno che ti coccola…

  3. E non solo le mamme. Anche gli amici e le amiche. 🙂

  4. Strana la vita…io quando son giù , mi metto a cucinare!

  5. ne vorrei uno… si puo’?

  6. Caro Fabio, buon appetito!

    (Ma si chiamano arancine! Non bestemmiamo per favore :-))

  7. Non so come le chiami tu, ma io le ho sempre chiamati così, e anche a Salerno si chiamano così. Arancine? E che è? Chiara: cucina anche per me, va!

  8. Buon per lei prof! A me sa che stasera salterò la cena, perchè qui nessuno sembra avere fame!! Sigh…diventerò anoressica…:-(!!!! Beh mi sa che una pasta la faccio io in caso!!! La mia pancia già brontola!!!
    Saluti sua mamma da parte mia e?!

    Buona cena!

  9. Grazie, indiana, ma proprio non ti ci vedo, anoressica. Prima devi smaltire quei 20 chiletti in più…

  10. Ma che catttivo!!!! C’è un proverbio che dice:” Chi parla per sè fà per tre”!!!

  11. E uno che dice: “Chi è causa del suo mal, pianga se stesso.”

  12. Ahahahahahahahah!! Non fa per niente ridere!:-P Era più simpa il mio!

  13. Come no!

  14. E invece sì…gli indiani sono più simpatici!

  15. E già a Palermo si chiamano arancine … nel resto della sicilia e in tutta italia arancini … il perchè non lo so. Ma è sempre riso… ma tua mamma con cosa le riempie?

  16. Wow….gli arancini, è da una vita che anche mia madre oltre alla sua non li cucinava!!!
    Quanto la invidio!!!

  17. Stranamente quando stiamo male c’è sempre qualcosa che ci fa tornare di buon umore, o perlomeno molte volte. E’ come se le persone che ci stanno più a cuore e quelle più vicine a noi riescano a capire quando stiamo male e che sappiano sempre qual’è il modo migliore per risollevarci il morale. Una sottospecie di telepatia fra persone che si vogliono bene. Riescono sempre a sorprenderci e coglierci di sorpresa, facendo cose che non ci aspettavamo minimamente, come una pietanza che non mangiavamo da una vita, e questo fa crescere il nostro stupore e il nostro buon umore.
    A volte però, capita anche che queste persone che ci aiutano inconsapevolmente quando stiamo male, non ci siano o che non arrivino al momento giusto. Questo potrebbe farci stare ancora più male ma, se una persona ci conosce davvero bene e tiene a noi, da lì a poco capirà sicuramente il nostro stato d’animo, e riuscirà ad consolarci senza che noi avessimo fiatato.
    Sono fermamente convinta che non appena cominciamo a conoscere una persona e di conseguanza iniziamo a volerle bene, tra noi comincia a formarsi un legame che permette questa telepatia reciproca, in cui anche un semplice sguardo può voler dire molto più delle parole.

  18. Amen, bongi. 😛


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: