Pubblicato da: fabioletterario | 15/02/2006

Calamita

All’uscita da scuola, due genitori (un papà che non conosco ed una mamma che conosco) di due diversi alunni, si stupiscono del fatto che non esca accompagnando i miei allievi, bensì attorniato da loro, con cui gioco e faccio scherzi. Capita spesso, ovviamente, ma credo che in questo caso il papà sia rimasto un po’ perplesso, e spero in positivo.

"Ma cosa fa a questi alunni? Che cos’ha, con questi alunni – mi dice il papà -, un calamita?"

Io sorrido, divertito.

"Sì. Nel bene e nel male." Commento ridendo.

"Meno male che c’è, soprattutto in quello!" Conclude lui.

Annunci

Responses

  1. questa cosa è preoccupante! io ho sempre avuto astio nei confronti dei miei prof. ma io ero irrequieta…e forse neanche loro mi adoravano poi tanto…anzi…direi che proprio mi schifavano. Senti ma li paghi???

  2. che fai non parli eh…omertà…allora li paghi!!!

  3. sarebbe bello se tutti i professori avessero coi loro allievi il rapporto che hai tu con i tuoi…sei rispettato,ma senza che abbiano timore di te, anzi, probabilmente per loro sei un modello e amano la tua materia perché gliela rendi più interessante.

  4. Basta complimenti o crederò che siano veri!

  5. Se ci pensi spesso le materie che non ci piacciono o alle quali non ci sentiamo affini sono quelle che ci erano spiegate da insegnanti troppo severi o che non riuscivano a catturare il nostro interesse.
    Ilmestiere dell’insegnante è uno dei più difficili, si avvicina molto a quello dei “genitori”, grande responsabilità

  6. La nostra scuola, tanto poco considerata da chi di dovere e non solo, resiste e aiuta i giovani a crescere e a far volare i loro sogni grazie ad alcuni (pochi tanti? non so) insegnanti i quali, piuttosto che pensare a far carriera (ma quale?) o allo stipendio (si, figurati!) vivono gratificati per la luce che si accende negli occhi dei loro ragazzi, quella luce che significa intelligenza, voglia di sapere, gioia di esserci, desiderio di cambiare il mondo con il proprio lavoro. A me (ebbene sì, sono anch’io un’insegnante!)succede spesso che gli studenti anche durante la ricreazione vogliano discutere con me degli argomenti trattati perchè si appassionano a quelle che con brutto termine chiamiamo le proposte didattiche. Ciao collega e buon lavoro, la Scuola, e di conseguenza la Società, cresce così. Tina

  7. infatti non sono veri!!

  8. Sei la solita perfida, precaria!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: