Pubblicato da: fabioletterario | 13/02/2006

Una piuma

Questo pomeriggio mi stavo recando a prendere il treno e, ad un tratto, sono stato quasi obbligato a voltarmi sulla sinistra. Non è stato un rumore improvviso, né una macchina che sfrecciava, e neanche una vetrina particolarmente bella ad attirare la mia attenzione. Tutt’altro.

Era una semplice, leggerissima piuma, che cadeva dal cielo e, volteggiando, scendeva a terra.

Ho guardato bene, in alto, per vedere se ci fossero uccelli. Non c’era nulla.

In tasca avevo un cioccolatino: mi sono sentito proprio come Forrest Gump.

Annunci

Responses

  1. 🙂

  2. È da un po’ che vengo spesso a leggerti, e devo dire che questo post è stato il primo a farmi sospirare. Gli altri, invece mi divertono. Ma questo ha un’aria di pace che fa sorridere…

  3. Già il titolo mi aveva fatto pensare a Forrest Gump, uno dei film più belli e poetici mai realizzati…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: