Pubblicato da: fabioletterario | 31/01/2006

Tasse

Non mancano mai. Purtroppo. E questa mattina ho lasciato una discreta sommetta nelle tasche del servizio pubblico. In modo specifico, in quella della pubblica istruzione.

Già. Verso la tassa del master, una delle tre: 500 euro in un solo click, ovverosia quello del mio bancomat, che piange ogni volta che si vede costretto a regalare tanto ben di dio per ricevere tana disgrazia. Già, un master organizzato davvero male, che non mi ha dato nulla e che non vedo l’ora di terminare.

Ma ai 500 euro si affiancano anche altri 45 per la quota sociale dell’Ordine dei giornalisti, che non mi ha mai dato nulla e al quale continuo a versare l’iscrizione annuale. Beh, almeno entro gratis ai musei nazionali ed internazionali.

Ma lo stato lo sa che anche noi comuni mortali, che non guadagnamo stipendi da nababbi, abbiamo il terribile vizio di mangiare?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: