Pubblicato da: fabioletterario | 08/01/2006

La scelta di Sharon

Apprendo dalle news di Kataweb che parecchi mesi prima di subire l’ictus e l’emorragia cerebrale, il premier israeliano Ariel Sharon aveva firmato il consenso per la donazione dei propri organi, dopo il decesso. A dimostrazione di questa scelta coraggiosa e coscienziosa, secondo il quotidiano israeliano Haaretz, Sharon era portatore fin dal maggio scorso della carta di donatore di organi, aderente al Centro Trapianti Israeliano ed alla Associazione ADI (donatori di organi). Tuttavia, le direttive del Centro Trapianti impongono di evitare il trapianto di organi provenienti da donatori di eta’ superiore ai 75 anni; Sharon ne ha quasi 78.

E’ questo il limite naturale della vita?


Responses

  1. Forse è solo un problema tecnico, se pensi che le cellule staminali si possono donare fino a 35 anni d’età!Sembra che stiano iniziando ad usare le cellule staminali per la cura delle leucemie, se hai l’età informati.
    Saluti Andrea

  2. Si, credo anche io che sia solo un problema tecnico…evidentemente un organo di un’ottantenne serve a poco…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: