Pubblicato da: fabioletterario | 23/12/2005

Conferenza stampa

Sento la conferenza stampa di fine anno di Berlusconi, e – naturalmente – mi viene il voltastomaco. Anziché parlare degli affari pubblici, grazie al complice Pionati (carino il riporto, chi te l’ha insegnato così? Moira Orfei?), parte con una filippica da campagna elettorale. E questo sarebbe servizio pubblico? Lo so: dovremmo essere abituati, tuttavia non mi ci abituerò mai.

Berlusconi, per altro, oggi mi piace di più. Lo guardo e, lasciando perdere il fisico – e la faccia! – pare quasi umano. Ho detto pare. Sì, voglio essere masochista fino in fondo, e dire che quasi sembra normale. Ha perso il ghigno di sicureza che lo contraddistingueva, si rende conto dei disastri che ha compiuto (non da solo, in questo è stato ben supportato), ma non perde l’aria di saccenza che gli è propria. Non sono bastate le batoste elettorali di questi ultimi 3 anni: ma non si preoccupi, che l’anno prossimo finalmente capirà in modo definitivo cosa significa essere sconfitti dopo un mandato di 5 anni e "ben 30 riforme fatte." Almeno lo spero. Anzi: me lo auguro.

Signor Berlusconi, mi consenta: non è la quantità, ma la qualità.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: