Pubblicato da: fabioletterario | 14/12/2005

100 milioni

Sono 100 milioni, secondo l’ultimo rapporto dell’Unicef, i bambini che non sono mai andati a scuola. E 50 milioni, quelli che ufficialmente non esistono: i cosiddetti bambini fantasma. Dati allucinanti. Non immaginiabili, almeno per me. E non sono neppure dati allarmanti, bensì unicamente sconcertanti. Nella società attuale, in cui la solidarietà pare un concetto tanto abusato, non può esistere. E neppure nella società del sapere e della complessità in cui viviamo, sono dati accettabili.

Bambini non registrati all’anagafe, che non risultano essere vivi, che non godono di diritti, che non possono frequentare la scuola, che non possono essere destinatari di aiuti. I bambini di nessuno, i bambini nessuno. E’ questo, tutto ciò per cui il mondo lavora?


Risposte

  1. Credo lavori anche per le busterelle, per i morti in guerre inutili, per i morti a causa della droga, per le famiglie spezzate, per i calciatori superpagati in un mondo fatto di miseria.
    Ma lavora anche per chi ama veramente, per chi si spezza la schiena per chi ha bisogno, per chi non dorme alla notte soccorrendo chi sta male, per chi lavora e dedica una vita accanto ai poveri ed agli ammalati.
    Sono convinta che il mondo non faccia così schifo.
    C’è del brutto, ma c’è anche TANTO, TANTISSIMO bello.

  2. é bello, e ankio mi attakko a questo pensiero, xkè altrimenti tanto vale buttarsi dal quato piano (sono anke vicino alla finestra!) xo’ mi sembra sempre di più 1 kosa ke serve a nascondere 1 realtà troppo brutta x noi.
    :-((((((((((


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: