Pubblicato da: fabioletterario | 01/12/2005

Giona nella balena

Giona, il cui nome significa colomba, era un uomo giusto e credeva in Dio.
Un giorno Dio gli parlò. "Giona, vai a Ninive", gli disse. "Là gli uomini sono malvagi. Dì loro di essere buoni e di obbedirmi." Ma Giona non voleva andare a Ninive."Andrò invece a Tarso", pensò Giona. "Là Dio non potrà vedermi."
E si mise in cammino. Arrivato al porto, salì su una nave. Giona pagò il viaggio e la nave salpò per Tarso. Ma improvvisamente scoppiò una terribile tempesta. I marinai erano terrorizzati. Pregarono i loro dei di salvarli, ma la tempesta peggiorò. Giona dormiva e non si accorse di nulla.
Il capitanò svegliò Giona e gli disse: "Chiedi al tuo Dio di salvarci." Ma Giona voleva nascondersi da Dio e quindi non pregò. "Buttatemi in mare, così vi salverete", disse Giona. "Non posso farlo", disse il capitano. Ma alcuni uomini si lanciarono su Giona e lo buttarono in mare.
Proprio in quel momento la tempesta cessò.
I marinai ringraziarono il Dio di Giona perché li aveva salvati. Giona allora si inabissò nel mare. "Annegherò", pensò Giona. Improvvisamente, comparve una gigantesca balena che lo inghiottì intero. "Dio mi ha salvato. Sono ancora vivo", pensò Giona. "Ma qui dentro è tutto buio e c’è tanta acqua."

Giona visse nella balena per tre giorni.
Poi la balena nuotò verso riva, aprì la bocca e sputò fuori Giona, su una spiaggia asciutta. "Vai a Ninive", gli ordinò Dio. "Va bene, Dio. Questa volta ci andrò", disse Giona e si avviò a piedi verso la grande città. "Dovete smettere di essere malvagi", disse Giona. "Altrimenti Dio distruggerà la vostra città." Il re ordinò allora ai cittadini di obbedire alla parola di Dio.
Giona si sedette fuori dalle mura della città. Si aspettava che Dio la distruggesse.
Ma Dio vide che gli abitanti erano cambiati e risparmiò la città. "Giona, amo tutte le persone e sono dappertutto", disse Dio. "Dovunque tu vada non puoi sfuggirmi."
E Giona capì che era vero.


Responses

  1. Bella la storia!!!
    A Giona è stata data una seconda possibilità e non ha voluto sprecarla;tutti hanno diritto ad una seconda occasione per rifarsi se si fa uno sbaglio.L’ho so bene…l’ho capito a mie spese

  2. LO so bene, non: l’ho so bene.

  3. OH OH SCUSI PRINCIPESSA!!!

  4. Ci manca solo che anche Pittrice faccia da prof!

  5. Hi…Hi…Hi…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: